Top

A sud di Roma un gioiello di borgo dove scoprire la leggenda del bambino misterioso

Immerso nel cuore verde della provincia di Latina, Sermoneta è un gioiello medievale che si erge maestoso su un rilievo dei Monti Lepini. Questo borgo, con le sue strette vie e panorami mozzafiato sulla pianura pontina, offre un tuffo nella storia e nella cultura tradizionale del Lazio.

Storia del borgo

Origini antiche e Medioevo

Il territorio di Sermoneta, nel Lazio, ha origini che risalgono all’epoca arcaica. Un tempo qui sorgeva la città volsca di Sulmo, menzionata da Virgilio nell’Eneide. Cambiamenti climatici e invasioni spostarono gli abitanti verso l’altopiano dell’attuale Sermoneta, citata per la prima volta nell’XI secolo.
Nel XIII secolo, la famiglia Caetani acquistò il castello, facendone un centro strategico per il controllo delle vie di comunicazione.

L’Epoca dei Borgia e rinascita culturale

Nel 1499, il castrum passò brevemente a Papa Alessandro VI, che lo cedette a Lucrezia Borgia. Durante il suo dominio, fu redatto un nuovo statuto comunale. Successivamente, il dominio passò a Rodrigo d’Aragona, il primo duca di Sermoneta. Questo fu anche un periodo di fioritura artistica, con l’emergere di figure come Girolamo Siciolante.

Dal XX secolo a oggi

Nel 1928, la bonifica dell’Agro Pontino portò alla creazione di nuove frazioni. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, il centro storico di Sermoneta ha visto un notevole spopolamento.
Oggi, il borgo è un punto di riferimento turistico e culturale, ospitando eventi e preservando un ricco patrimonio storico.

Cosa vedere, o fare, a Sermoneta

  • Il Castello Caetani: Un’imponente fortezza medievale con una vista panoramica sulla valle circostante.
  • Il Duomo di Santa Maria Assunta: Costruito nel XIII secolo, è noto per i suoi affreschi rinascimentali.
  • Le Mura Medievali: Passeggia lungo le antiche mura di cinta che offrono scorci sul paesaggio.
  • Via del Borgo: Ii cuore pulsante di Sermoneta, perfetto per una passeggiata tra architetture storiche.
  • L’Abbazia di Valvisciolo: una meravigliosa abbazia cistercense nelle vicinanze, famosa per i suoi chiostri e il silenzio mistico.

Cosa visitare vicino a Sermoneta:

  • Giardino di Ninfa: Un giardino all’inglese considerato tra i più belli d’Europa, a soli pochi chilometri.
  • Norma: Un altro borgo affascinante su un crinale montuoso, famoso per le rovine dell’antica Norba.
  • Latina: La città pianificata del periodo fascista, con interessanti esempi di architettura razionalista.
  • Spiagge di Sabaudia: A meno di un’ora di auto, ideali per una giornata al mare.

Curiosità su Sermoneta

Sermoneta è stata set cinematografico per varie produzioni, tra cui il film “I Fratelli Karamazov” e diverse fiction italiane.

Cosa mangiare a Sermoneta

La cucina di Sermoneta offre piatti tipici del Lazio come:

  • Fettuccine fatte in casa: spesso servite con sugo di funghi porcini locali.
  • Abbacchio alla scottadito: agnello arrostito tipico della cucina laziale.
  • Ciambelle al vino: dolci croccanti e aromatizzati con vino rosso.

La leggenda del fantasma del Castello Caetani

Il Castello Caetani a Sermoneta cela un mistero nelle sue antiche mura. Si dice che, nelle celle sotterranee, si aggiri lo spirito di un giovane bambino, morto in circostanze misteriose. Un ritratto nella sala del Cardinale ritrae un bambino nobile, che alcuni credono sia il fantasma del castello.
La sua identità e i dettagli della sua morte rimangono sconosciuti.

Mappa di Sermoneta

Come arrivare a Sermoneta in auto da Roma

Da Roma, prendi l’autostrada A1 in direzione di Napoli. Dopo circa 50 km, prendi l’uscita per Valmontone e segui le indicazioni per Latina/Sermoneta sulla SS7. Il viaggio dura circa un’ora, a seconda del traffico, e offre un bel panorama del paesaggio laziale.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.