Top

I borghi più belli della nord della Sardegna: 3 posti splendidi da visitare

La Sardegna, isola meravigliosa nel nostro Mediterraneo, non è solo una destinazione ambitissima e capace di regalare una bellezza incredibile, ma è anche un tesoro di piccoli borghi storici, ciascuno con un’identità ben definita capace di offrire un’eredità culturale profonda e importante.

Quest’isola, celebre per le sue acque cristalline e paesaggi mozzafiato, nasconde tra le sue coste e montagne alcuni dei borghi più affascinanti d’Italia: da nord a sud, ogni provincia sarda offre luoghi di rara bellezza.
In questo articolo, esploreremo i borghi più belli della Sardegna suddivisi per provincia, per scoprire insieme le loro storie, le tradizioni per essere avvolti dall’ospitalità che solo questa isola sa offrire.

Borghi nel nord della Sardegna in provincia di Sassari

Castelsardo

Un incantevole borgo medievale sul Golfo dell’Asinara, noto per il suo castello, il museo dell’intreccio e le spiagge.

Curiosità del borgo

  1. Origini Antiche: Fondato nel XII secolo dai Doria, una famiglia genovese, il borgo originariamente si chiamava Castelgenovese. Solo più tardi, quando passò sotto il controllo degli Aragonesi, fu rinominato Castellaragonese fino ad arrivare al nome attuale, Castelsardo.
  2. Museo dell’Intreccio Mediterraneo: Questo museo, situato all’interno del castello, è dedicato alle tradizioni dell’intreccio che sono molto radicate in Sardegna. Qui si possono ammirare opere di artigianato realizzate con diverse tecniche e materiali, tra cui il vimini, il giunco e l’asfodelo, che dimostrano l’abilità e la creatività degli artigiani locali.
  3. La Cattedrale di Sant’Antonio Abate: Questa chiesa, con la sua impressionante facciata e il campanile, domina il paesaggio del borgo. All’interno, si può ammirare un altare maggiore del 1700 e una serie di affreschi di grande valore artistico.
  4. La Roccia dell’Elefante: Situata lungo la strada che porta da Castelsardo a Sedini, questa curiosa formazione rocciosa, modellata dal vento e dall’erosione, assomiglia a un elefante. Al suo interno si trovano domus de janas, antiche tombe scavate nella roccia risalenti al periodo prenuragico.

La Maddalena

L’unico centro abitato dell’arcipelago omonimo, famoso per il suo splendido paesaggio marittimo e la storia navale.

Curiosità del borgo

  1. Un’Isola di Marinai: La Maddalena ha una lunga storia legata alla marineria e per molti anni è stata la base principale della Marina Militare Italiana nel Mediterraneo. Questo ha influenzato fortemente la cultura e l’economia dell’isola fino alla chiusura della base nel 2008.
  2. Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena: Istituito nel 1994, il parco comprende tutte le isole dell’arcipelago. È un’area protetta che offre paesaggi mozzafiato, biodiversità marina e terrestre eccezionale, e un paradiso per gli amanti dello snorkeling e delle immersioni.
  3. Legame con Napoleone Bonaparte: Durante il suo esilio sull’isola d’Elba, Napoleone tentò di conquistare l’arcipelago della Maddalena. La sua spedizione però fallì, e questa breve invasione è ancora ricordata dagli isolani.
  4. Casa di Garibaldi: L’eroe dell’unificazione italiana, Giuseppe Garibaldi, trascorse gli ultimi anni della sua vita sull’isola di Caprera, parte dell’arcipelago. La sua casa, Casa Bianca, è ora un museo che attira visitatori interessati alla sua vita e alla storia d’Italia.

Tempio Pausania

Situato nel cuore della Gallura, questo borgo è circondato da boschi e mare e famoso per la sua festa di carnevale e la produzione di vino Moscato.

Curiosità del borgo

  1. Città di Pietra: Tempio Pausania è conosciuta come la “città di pietra” per le sue costruzioni in granito grigio, materiale abbondante nella regione. Questo le conferisce un aspetto distintivo e affascinante, con edifici, strade e piazze che riflettono l’abbondanza della risorsa naturale locale.
  2. Acque Termali: La città è famosa per le sue sorgenti di acque termali, particolarmente quelle di Rinaggiu, che sono state utilizzate fin dall’antichità per le loro proprietà terapeutiche. Queste acque sulfuree sono ancora oggi una meta per chi cerca benessere e relax.
  3. Legame con Fabrizio De André: Tempio Pausania ha un forte legame con il cantautore italiano Fabrizio De André, che ha trascorso parte della sua vita in Gallura. La città gli ha dedicato una piazza, Piazza Faber, dove si svolgono eventi culturali e musicali in suo onore.
  4. Parco delle Rimembranze: Questo parco unico ospita una serie di alberi di leccio, ognuno dedicato a un cittadino di Tempio Pausania caduto durante la Seconda Guerra Mondiale. È un luogo di riflessione e memoria storica, che sottolinea il profondo senso di comunità della città.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.