Top

Borghi romani da visitare in Toscana: 6 luoghi favolosi dove scoprire Roma

La Toscana, terra di dolci colline, vigneti rigogliosi e arte senza tempo, nasconde tra le sue pieghe alcuni dei gioielli più preziosi della storia italiana: i borghi di origine romana. Questi piccoli centri, sorti durante l’espansione dell’Impero Romano, sono custodi di un patrimonio storico e culturale inestimabile, offrendo agli amanti dei viaggi un’immersione autentica nell’antichità.

I borghi in Toscana: dagli Etruschi all’Impero romano

La Toscana, conosciuta principalmente per le sue città d’arte come Firenze, Siena e Pisa, racchiude al suo interno borghi meno noti ma di grande fascino, testimonianze viventi dell’era romana. Passeggiare per le strade di questi borghi significa intraprendere un viaggio a ritroso nel tempo, dove ogni pietra, ogni vicolo e ogni edificio raccontano storie di un passato glorioso.

1. Fiesole

La storia di Fiesole è strettamente legata alla potenza di Roma. Originariamente un importante centro etrusco, Fiesole fu conquistata dai Romani nel I secolo a.C., diventando una fiorente città sotto l’Impero. L’influenza romana trasformò radicalmente il tessuto urbano di Fiesole, con la costruzione di imponenti strutture come il teatro, le terme e un complesso di bagni pubblici, segnando l’inizio di una nuova era di prosperità e sviluppo urbano che ha lasciato un segno indelebile nel paesaggio della città.

Da Vedere a Fiesole

  • Teatro Romano: uno dei meglio conservati in Italia, ancora utilizzato per eventi estivi.
  • Area Archeologica: comprende le terme romane e l’antico tempio etrusco-romano.
  • Museo Archeologico: ospita reperti etruschi, romani e longobardi.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Fiesole, FI
  • Attrazioni Principali: Teatro Romano, Area Archeologica, Museo Archeologico
  • Non perdere: la vista su Firenze dal belvedere.

2. Volterra

Volterra, nota per la sua eredità etrusca, vide una significativa trasformazione sotto il dominio romano. Dopo la conquista romana, divenne un centro importante grazie alla sua posizione strategica e alle sue risorse minerarie, specialmente il sale e l’allume, essenziali per l’economia romana. I Romani introdussero nuove tecniche di costruzione e urbanizzazione, come dimostrato dal Teatro Romano di Vallebona, evidenziando l’integrazione di Volterra nella rete commerciale e culturale dell’Impero.

Da Vedere:

  • Teatro Romano di Vallebona: i suggestivi resti del teatro del I secolo a.C.
  • Porta all’Arco: antica porta etrusca con aggiunte romane.
  • Museo Etrusco Guarnacci: ricca collezione di artefatti etruschi e romani.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Volterra, PI
  • Attrazioni Principali: Teatro Romano di Vallebona, Porta all’Arco, Museo Etrusco Guarnacci
  • Non perdere: il panorama mozzafiato dalle mura etrusche.

3. Lucca

Lucca rappresenta un esempio emblematico dell’urbanistica romana in Toscana. Fondata come colonia romana nel 180 a.C., Lucca si sviluppò seguendo il tipico schema urbanistico romano con strade ortogonali e la costruzione di monumentali edifici pubblici, tra cui l’anfiteatro, che oggi definisce la forma della Piazza dell’Anfiteatro.
Le sue mura, sebbene rifatte nel Rinascimento, seguono il percorso delle antiche fortificazioni romane, testimoniando l’importanza strategica di Lucca nell’antichità.

Da Vedere:

  • Anfiteatro Romano: la piazza ellittica che segue la forma dell’antico anfiteatro.
  • Via Fillungo: l’arteria principale del centro storico, ricca di negozi e edifici storici.
  • Mura di Lucca: percorribili a piedi, offrono splendide viste sulla città.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Lucca, LU
  • Attrazioni Principali: Anfiteatro Romano, Via Fillungo, Mura di Lucca
  • Non perdere: la passeggiata sulle mura per godere di una vista unica.

4. Arezzo

Arezzo fu un’altra città etrusca che fiorì sotto i Romani. La sua adesione all’Impero Romano portò a un periodo di rinnovamento urbano e espansione. L’anfiteatro romano, che poteva ospitare migliaia di spettatori, è solo un esempio dell’impatto romano sulla città. Arezzo divenne un importante nodo sulla Via Cassia, una delle principali strade romane, facilitando il commercio e la diffusione culturale e contribuendo al suo sviluppo come centro di potere e cultura nell’epoca romana.

Da Vedere:

  • Anfiteatro Romano: i resti dell’anfiteatro che poteva ospitare fino a 10.000 spettatori.
  • Museo Archeologico: ospita importanti reperti etruschi e romani.
  • Piazza Grande: circondata da edifici storici, è il cuore della città.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Arezzo, AR
  • Attrazioni Principali: Anfiteatro Romano, Museo Archeologico, Piazza Grande
  • Non perdere: il mercato antiquario nella Piazza Grande.

5. Cortona

Cortona, con le sue profonde radici etrusche, assorbì profondamente l’influenza romana, soprattutto nell’architettura e nell’urbanistica. Dopo la conquista romana, Cortona divenne un’importante comunità all’interno dell’Impero, beneficiando di opere pubbliche e di un rinnovamento urbano che ne ampliò il ruolo come centro agricolo e militare. La struttura urbana e le difese della città furono migliorate, riflettendo l’importanza strategica di Cortona nel controllo del territorio toscano.

Da Vedere:

  • Mura Etrusche: ancora visibili in molte parti della città.
  • Museo dell’Accademia Etrusca: contiene una vasta collezione di artefatti etruschi e romani.
  • Chiesa di Santa Maria: esempio di architettura romanica.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Cortona, AR
  • Attrazioni Principali: Mura Etrusche, Museo dell’Accademia Etrusca, Chiesa di Santa Maria
  • Non perdere: il panorama sul lago Trasimeno.

6. Populonia

Unica tra i centri etruschi per la sua posizione costiera, Populonia raggiunse l’apice del suo sviluppo sotto i Romani, diventando un centro cruciale per la lavorazione e il commercio del ferro. L’impero romano, riconoscendo l’importanza strategica e economica di Populonia, investì nella città, espandendo le sue infrastrutture e le sue capacità produttive. Le necropoli e le strutture di lavorazione del ferro romane testimoniano l’intensa attività industriale e commerciale che caratterizzò Populonia in questo periodo, rendendola un esempio significativo dell’integrazione di un centro etrusco nell’economia e nella società romane.

Da Vedere:

  • Parco Archeologico di Baratti e Populonia: esplora le antiche necropoli etrusche e romane.
  • Rocca di Populonia: per una vista spettacolare sul Golfo di Baratti.
  • Museo Archeologico del Territorio di Populonia: dedicato alla storia etrusca e romana della zona.

Scheda del borgo:

  • Ubicazione: Populonia, LI
  • Attrazioni Principali: Parco Archeologico, Rocca di Populonia, Museo Archeologico
  • Non perdere: il tramonto sul Golfo di Baratti.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.