Top

“C’è ancora domani”: le location del film di Paola Cortellesi, ecco come visitarle

Il successo clamoroso di “C’è ancora domani” ha di fatto creato un turismo cinematografico anche per il film di Paola Cortellesi: ma quali sono le location del film e quali si possono visitare? Scopriamo il quartiere e la città dove è stato girato il film e cosa è visitabile per qualche foto ricordo.

Può nel 2023 un film italiano girato al Testaccio (Roma) , oltretutto in bianco e nero, diventare il titolo capace di battere un colossal come “The Marvels” (costato 220 milioni di dollari)? A quanto pare si perché “C’è ancora domani“, il capolavoro diretto e interpretato da Paola Cortellesi, oltre a vincere il biglietto d’oro, è riuscito a battere il titolo del momento della Marvel Studios nel giorno del suo debutto al cinema.

I luoghi del film “C’è ancora domani”

L’enorme successo ha scatenato nei fan italiani dell’attrice e del film, una voglia incredibile di visitare i luoghi del set, quegli scorci di una Roma quasi dimenticata che sono riusciti ad emozionare milioni e milioni di spettatori, disposti a fare file per acquistare il biglietto al cinema.
Ma dov’è stato girato il film e quali sono i luoghi del film “C’è ancora domani”?  Scopriamo i luoghi del film e dove andarli a visitare.

Le location del set tra Testaccio e Cinecittà

Il quartiere di Delia (quartiere Testaccio)

Il quartiere in cui si svolge il film è il Testaccio (come narrazione) ed il set è stato allestito in via Bodoni: durante la nostra passeggiata potremo incontrare il luogo dove Delia incontra William, il soldato americano. Potremo ammirare anche un bellissimo Lungotevere, tappa immancabile non solo per chi ha visto il film ma anche per tutti i turisti che vorranno godersi uno scorcio di Roma bellissimo.

La casa di Delia

Purtroppo non esiste una “vera” casa di Delia: le stanze sono state ricostruite a Cinecittà, la fucina di tantissimi film incredibili (sia italiani che non).

Il mercato di Testaccio

Il mercato dove Delia incontra la sua amica Marisa (Emanuela Fanelli) è chiaramente il nuovo mercato di Testaccio

Non vi resta che visitare questi luoghi muniti del vostro smartphone, scattare foto ricordo e convertirle tutte in bianco e nero e provare ad immaginare la vostra vita in quell’incredibile dopo guerra che ha vissuto il nostro paese.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.