Top

Dimore storiche affascinanti in Emilia-Romagna: quali visitare ad Ottobre

Un itinerario alla scoperta delle dimore storiche – che hanno ospitato alcune delle famiglie più potenti del Rinascimento italiano e non solo – che popolano l’Emilia-Romagna. Dalla Villa Marana di Bologna fino ad arrivare al Casino di Bellaria, scopriamo le bellezze architettoniche e residenziali che questa regione conserva con orgoglio. 

Castelli, antiche residenze familiari, rocche, biblioteche e edifici d’epoca: questo è il tesoro nascosto dell’Emilia-Romagna, aperto al pubblico eccezionalmente in occasione di iniziative dedicate, ma conservato con orgoglio negli scorsi decenni. Per questo, è possibile pensare ad un vero e proprio itinerario turistico tra le dimore storiche dell’Emilia-Romagna, scoprendone storia e curiosità.

Villa Marana a Bologna

Villa Marana è una delle dimore storiche di Bologna, famosa per essere stata la residenza privata del direttore d’orchestra Francesco Molinari Pradelli. L’edificio – rimasto agli eredi – conserva una collezione di arte barocca con opere trovate e acquistate da Molinari Pradelli nel corso dei suoi molti viaggi effettuati per lavoro.

Castello di Scipione dei Marchesi Pallavicino

Questo castello si trova tra Parma e Piacenza e dal 1922 è stato dichiarato Monumento Nazionale, vista l’importanza ricoperta dal punto di vista architettonico e artistico. Inizialmente utilizzato come fortezza militare dopo la costruzione avvenuta intorno al 1025, fu sempre in mano ai Marchesi Pallavicino, divenendo un punto fermo importante per la famiglia anche durante la costituzione di un loro Stato.

Castello della Maggia di Gariga

Realizzato nel XIII secolo a partire da una costruzione che era stata un tempo edificata dai Romani, il Castello della Maggia di Gariga passò di proprietà tra varie famiglie – tra cui anche i noti Visconti – fino ad arrivare ai marchesi Maggia, da cui prende anche il nome.

Casino di Bellaria

Immersa in un bellissimo parco di querce secolari e dotata di un grande giardino, dove l’aiuola di peonie e il rigoglioso roseto saltano sicuramente all’occhio per la loro cura e particolarità, la dimora storica del Casino di Sopra o Casino di Bellaria fu costruita intorno al 1500 con l’intento di creare una residenza di campagna.

Particolare la grande sala centrale, che venne affrescata nel 1845. Oggi, di un’opera maestosa rimangono solo pochi sprazzi, ma il colore è ancora vivo e racconta la storia di questa bella dimora storica.