La Rocca Albornoz di Spoleto si prepara ad offrire un’esperienza unica e imperdibile. A partire dal primo giugno, sarà possibile visitare per la prima volta le torri della rocca, esplorando i camminamenti militari che le collegano. La grande novità sarà anche un’intera area dedicata ai bambini con attività educative e ludiche

Questo evento segna un’importante apertura di spazi storici della fortezza di colle Sant’Elia, mai aperti al pubblico prima d’ora. I visitatori potranno immergersi in un viaggio tra cunicoli, antiche prigioni e nuovi panorami mozzafiato che si estendono fino ad Assisi.

Un po’ di storia sulla Rocca di Spoleto

La Rocca Albornoz di Spoleto, situata sul colle Sant’Elia, fu costruita tra il 1359 e il 1370 per volere del cardinale Egidio Albornoz come simbolo del potere papale. Progettata dall’architetto Matteo Gattapone, la rocca servì come fortezza militare e residenza per i governatori papali. Nel XIX secolo, venne trasformata in prigione, funzione che mantenne fino agli anni Ottanta del XX secolo.

La visita alla Rocca

La Rocca offre ora ai visitatori la possibilità di scoprire la vita all’interno della fortezza attraverso diverse epoche storiche. La Direzione regionale dei Musei dell’Umbria ha curato con attenzione la conservazione di graffiti lasciati dai prigionieri, che raccontano storie affascinanti e toccanti.
Le terrazze panoramiche, accessibili durante la visita, permettono di ammirare monumenti simbolo della città, come il Ponte delle Torri e il Duomo di Spoleto, da una prospettiva inedita e privilegiata.

Un lungo restauro per la Rocca

Dopo la chiusura della prigione, la rocca fu oggetto di un lungo restauro, finanziato da fondi pubblici e europei, e trasformata nel Museo Nazionale del Ducato di Spoleto. Recentemente, sono stati aperti al pubblico nuovi spazi, tra cui torri, camminamenti militari e antiche prigioni, offrendo ai visitatori un’esperienza immersiva nella storia della fortezza.

Il giardino interno del Malborghetto è stato attrezzato con un’area dedicata ai bambini, rendendo la rocca un luogo accogliente e educativo per le famiglie. La Rocca Albornoz è oggi una delle principali attrazioni turistiche di Spoleto, rappresentando un importante patrimonio storico e culturale.

Una nuova area dedicata ai bambini

Come anticipato, un’importante novità riguarda il giardino interno del Malborghetto, parte del complesso Trecentesco della Rocca Albornoz.
Questo spazio è stato trasformato in un’area attrezzata per spettacoli e giochi per bambini. Pensato per offrire un’esperienza ludica e didattica, il giardino mantiene a vista le strutture archeologiche, creando un connubio perfetto tra storia e divertimento.

I bambini potranno giocare in sicurezza in un contesto ricco di storia, favorendo così l’interesse e la curiosità per il patrimonio culturale fin dalla giovane età. Questa iniziativa sottolinea l’importanza di rendere accessibili e coinvolgenti i luoghi storici anche per i più piccoli, creando un ambiente stimolante e educativo.

Le visite guidate alla Rocca Albornoz e al giardino del Malborghetto promettono di essere un’esperienza completa e arricchente per tutta la famiglia, con percorsi studiati per affascinare e istruire visitatori di ogni età.