Top
Marche

Il borgo dei murales nella Marche: passeggiare tra i colori e un monumento al parroco partigiano

Passeggiare in un borgo storico regala sempre delle sensazioni affascinanti, ma che ne direste se, percorrendo le mura di una cittadina, vi trovaste di fronte a murales colorati e con disegni da lasciare a bocca aperta? Forse non lo sapete, ma è possibile vivere questa esperienza in un borgo italiano: scopriamo quale! 

Un piccolo borgo, di appena 150 abitanti, può regalarvi una sorpresa da non credere. Se amate andare alla scoperta di cittadine storiche, posti nascosti e originali, allora non dovete assolutamente perdervi il borgo di Bracciano, situato lungo la via che porta a Matelica, lungo il versante del Monte San Vicino. Questo borgo è una galleria a cielo aperto: siete pronti a scoprirlo?

La storia di Braccano

Le origini di Braccano sono da ricondurre molto probabilmente al periodo medievale e si configura per un’urbanistica rimasta pressoché intatta rispetto alle origini. Forte anche la presenza del movimento dei carbonai, risalente al periodo del 1800. La riscoperta di questo borgo per la sua caratteristica principale, ovvero quella dei murales, risale al 2001, quando divenne ufficialmente il “Paese dei Murales”.

Cosa vedere a Braccano

L’attrazione principale a Braccano sono i suoi murales, realizzati dagli studenti dell’Accademia di Brera, Macerata ed Urbino, insieme ad un gruppo eterogeneo di artisti proveniente anche da altre parti del mondo. Frutto dell’espressione artistica di chi ha dato vita a questi murales così colorati, le mura di Braccano regalano scorci suggestivi e affascinanti.

Ma il borgo di Braccano offre molto altro da vedere oltre ai murales: la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria delle Grazie con opere lignee di pregio e un fonte battesimale antico, il Museo della Resistenza, i vigneti dove si produce il Verdicchio di Matelica.

Nelle vicinanze di Braccano

Nei dintorni di Braccano, è possibile immergersi nella natura, con una passeggiata nel Bosco di faggi secolari che si trova all’interno della Riserva Regionale del Monte San Vicino. Stiamo parlando della meravigliosa Faggeta di Confaito, che regala la possibilità di fare escursioni e di attraversare sentieri bellissimi.

Da vedere anche la Bocca di Pecu e la Gola di Jana, entrambi punti di interesse da raggiungere tramite percorsi di trekking.

Mappa di Braccano

Curiosità su Braccano

Il borgo di Braccano è conosciuto anche per un episodio drammatico, avvenuto nel 1944. Durante la guerra, ci fu un eccidio in cui venne ucciso il parroco di Braccano, Don Enrico Pocognoni.
Per ricordare la tragedia avvenuta, nel borgo si può ancora ammirare il monumento eretto in onore dei caduti.