Top

Il borgo dell’Oltrepò Pavese controllato dagli Sforza e dai Visconti

Incastonato tra le verdi colline dell’Oltrepò Pavese, Fortunago emerge come uno dei borghi più affascinanti e meno conosciuti d’Italia. Questo antico insediamento, il cui nome evoca storie di fortuna e di antiche leggende, offre ai suoi visitatori un’atmosfera di pace e bellezza, lontana dai ritmi frenetici della vita moderna. Scopriamo insieme la storia, le meraviglie e i segreti di Fortunago.

La storia del borgo di Fortunago

La storia di Fortunago si fonde con quella dell‘Oltrepò Pavese, terra di confine e di passaggio sin dall’antichità. Le prime tracce di insediamenti in questa area risalgono all’epoca romana, ma è nel Medioevo che Fortunago inizia a prendere forma come borgo fortificato, strategico per il controllo delle vie di comunicazione tra la Pianura Padana e il Mar Ligure.

Il nome Fortunago deriva probabilmente da una famiglia nobile, i “Fortunacus”, che si presume abbiano avuto un ruolo chiave nello sviluppo iniziale del borgo. Nel corso dei secoli, Fortunago ha visto il susseguirsi di diverse dominazioni, dagli Sforza ai Visconti, fino a diventare parte dei territori sotto l’influenza della Repubblica di Genova, testimoniando così l’importanza strategica e commerciale di questa piccola perla incastonata tra le colline.

Nonostante le vicissitudini storiche, Fortunago ha saputo conservare intatto il suo fascino medievale, con vicoli, antiche case in pietra e una tranquillità che sembra resistere al passare del tempo. Nel cuore del borgo, la piazza principale e la chiesa parrocchiale dedicata a San Giorgio raccontano storie di comunità e di fede che si perdono nella notte dei tempi.

Cosa visitare a Fortunago: consigli di viaggio

Il borgo di Fortunago è un invito a perdersi tra i vicoli e le piazzette, dove ogni angolo rivela una vista mozzafiato sulle colline circostanti. Non perdete l’occasione di visitare la Chiesa di San Giorgio, un gioiello di architettura sacra, che custodisce opere d’arte di inestimabile valore. Da non dimenticare è il Museo Etnografico, che offre uno sguardo sulla vita quotidiana e sulle tradizioni rurali dell’Oltrepò Pavese.

Cosa vedere nei dintorni di Fortunago

L’Oltrepò Pavese, con i suoi paesaggi, i suoi vigneti e i suoi borghi storici, offre numerose opportunità di esplorazione. A poca distanza da Fortunago, vale la pena visitare Varzi, con il suo castello e il suo mercato settimanale, e Salice Terme, nota per le sue acque curative e i suoi impianti termali. Per gli amanti della natura, i sentieri del Parco Regionale della Valle del Ticino offrono passeggiate indimenticabili tra boschi e vigneti.

Consigli per visitare Fortunago

Il modo migliore per apprezzare Fortunago è camminare senza fretta, lasciandosi guidare dalla curiosità e dall’ammirazione per i piccoli dettagli che rendono unico questo borgo. Primavera e autunno sono i periodi ideali per una visita, grazie al clima mite e ai colori della natura. Non dimenticate di assaggiare i prodotti locali, come i vini dell’Oltrepò e i salumi tipici, che potete trovare nelle botteghe del borgo o nei ristoranti della zona.

Come arrivare a Fortunago partendo da Varese

Partire da Varese per raggiungere Fortunago richiede un viaggio di circa due ore in auto. Il percorso più diretto è attraverso l’autostrada A7, direzione Milano, per poi seguire le indicazioni per Genova e prendere l’uscita Casei Gerola. Da qui, seguite le indicazioni per Voghera e, successivamente, per Fortunago.
Il viaggio attraverso le colline dell’Oltrepò offre panorami suggestivi e la possibilità di scoprire angoli nascosti di questa magnifica regione italiana.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.