Top

Il borgo in Corsica tra mare e architettura medievale fondato da un conte romano

Nel cuore della Corsica, arroccato sull’alto di una collina, si trova lo splendido borgo di Sant’Antonino, che come indica il nome è un borgo profondamente legato alla cultura italiana: fu infatti fondato dal conte romano Ugo Colonna. Scopriamo insieme il fascino e la bellezza di questo luogo.

Storia di Sant’Antonino

Questo piccolo borgo di appena 95 abitanti sorge nella zona dell’Alta Corsica, e ha una storia molto antica. Le sue origini si perdono nel IX secolo, quando fu fondato dal conte romano Ugo Colonna, come punto di ritiro.

La scelta cadde su questa località per via della sua posizione strategica: da qui si può infatti ammirare l’orizzonte a 360 gradi. Nel corso dei secoli il borgo ha mantenuto la sua identità di “roccaforte”, restando poco abitato: oggi si contano appena 75 edifici.

Cosa vedere a Sant’Antonino

  • Chiesa dell’Annunciazione: edificata nel XVIII secolo, conserva al suo interno un bellissimo organo nel 1744, e quattro celebri dipinti. Troviamo “La Deposizione dalla croce con quattro donatori” (opera del XVII), “La fuga in Egitto” (XVIII), “Anime del purgatorio” (senza data) e “la Madonna del Rosario con San Domenico e Santa Caterina da Siena” (XVIII).
  • Cappella Fratellanza: anche conosciuta come la cappella dei pastori. Si trova poco lontano dalla Chiesa dell’Annunciazione.
  • Chiesa della Trinità e di San Giovanni: questa chiesa si trova all’interno di un cimitero risalente al XI secolo. Oggi la chiesa è inutilizzata.

Cosa vedere nei dintorni di Sant’Antonino

  • Aregno: questo bellissimo borgo circondato da ampie coltivazioni di aranci e mandorli, conserva dei veri gioielli di arte e architettura romaniche, come la Chiesa della Trinità, con i suoi preziosissimi affreschi.
  • Lumio: conosciuta per le sue spiagge incantevoli e tranquille, questa località marittima vi affascinerà con paesaggi mozzafiato, tra ampi vitigni e piante aromatiche mediterranee.
  • Calvi: questo borgo è una meta immancabile per gli amanti della storia. Qui infatti sono state combattute importanti battaglie, e fu anche rifugio di Napoleone Bonaparte.

Mappa di Sant’Antonino

Come arrivare a Sant’Antonino da Bastia

Da Bastia per raggiungere il borgo di Sant’Antonino imboccate la strada T20 e T30 e arrivate in circa un’ora e 45 minuti, oppure tramite D81 in un paio d’ore.

Curiosità su Sant’Antonino

Nel cuore dell’estate, il 16 agosto, si svolge la tradizionale Festa di San Rocco, che si apre con le cerimonie religiose tra cui la Santa Messa, una processione per le vie del paese e la benedizione degli animali, e prosegue con un divertente intrattenimento musicale.

Giovanna Caletti Con un'anima inquieta e una passione innata per l'avventura, Giovanna Caletti è un'autentica esperta di viaggi e un'affermata autrice, i cui consigli hanno ispirato innumerevoli famiglie a esplorare il mondo insieme. Giovanna si è dedicata a condividere itinerari unici e destinazioni affascinanti attraverso i suoi articoli per PiccoliEsploratori.com. Le sue parole trasmettono un senso di meraviglia e scoperta che cattura l'immaginazione dei lettori di tutte le età. Attraverso le sue avventure, Giovanna incarna l'idea che i viaggi non sono solo spostamenti fisici, ma esperienze che arricchiscono la mente e il cuore.