Top

Il borgo in Friuli Venezia Giulia fondato dal grande Giulio Cesare

Cividale del Friuli, patrimonio UNESCO situato nel cuore del Friuli Venezia Giulia, è un borgo ricco di storia, cultura e paesaggi mozzafiato. Questa guida vi porterà alla scoperta di Cividale, offrendo consigli pratici e spunti di visita per vivere al meglio l’esperienza in questo angolo incantevole d’Italia.

Storia di Cividale del Friuli

Cividale del Friuli, perfettamente inclusa nel paesaggio mozzafiato del Friuli Venezia Giulia, non è solo un borgo, ma un vero e proprio libro di storia a cielo aperto, un borgo splendido tutto da scoprire.

Fondazione e Origini Romane

La sua storia inizia nel 50 a.C., quando fu fondata da Giulio Cesare che le diede il nome di Forum Iulii, da cui deriva non solo il nome della città ma anche quello della regione Friuli. Questo insediamento romano divenne rapidamente un importante centro amministrativo e commerciale, come testimoniato dai numerosi ritrovamenti archeologici, tra cui il Foro romano e il Ponte sul fiume Natisone, che ancora oggi connette le due sponde della città.

L’Era Longobarda

Il capitolo più significativo della storia di Cividale si apre con l’arrivo dei Longobardi nel 568 d.C., quando divenne la sede del primo ducato longobardo in Italia sotto il duca Gisulfo. Questo periodo lasciò a Cividale un’eredità inestimabile in termini di arte e architettura, di cui il Tempietto Longobardo è l’esempio più eclatante.

Questo straordinario edificio religioso, riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è celebre per i suoi stucchi e affreschi che rappresentano uno dei più alti esempi dell’arte altomedievale in Europa.

Medioevo e Rinascimento

Attraversando il Medioevo, Cividale mantenne il suo ruolo di centro nevralgico grazie alla sua posizione strategica. Fu sede di un importante monastero benedettino e divenne un florido centro di produzione artistica e letteraria. Nel Rinascimento, la città continuò a prosperare sotto il dominio della Repubblica di Venezia, che ne influenzò l’architettura e l’arte, arricchendo ulteriormente il tessuto urbano con palazzi e chiese in stile veneziano.

L’Eredità Moderna

Nei secoli successivi, Cividale attraversò le vicissitudini della storia europea, dalla dominazione napoleonica all’annessione all’Impero austro-ungarico, fino a diventare parte del Regno d’Italia nel 1866. Ogni epoca ha lasciato il proprio segno, contribuendo a creare quel mosaico culturale e architettonico che i visitatori possono ammirare oggi.

La storia di Cividale del Friuli è dunque un viaggio attraverso millenni, una storia che si riflette non solo nei monumenti e nei musei ma anche nell’atmosfera unica che si respira passeggiando per le sue strade antiche.

Cose da vedere a Cividale del Friuli

Il Tempietto Longobardo

Riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, è un esempio straordinario dell‘arte longobarda in Italia e un must assoluto per chi visita Cividale.

Il Ponte del Diavolo

Questo imponente ponte in pietra offre una vista spettacolare sul fiume Natisone e secondo la leggenda è stato costruito con l’aiuto del diavolo.

Il Museo Archeologico Nazionale

Ospita reperti che raccontano la storia di Cividale, dai tempi dei Romani fino al Medioevo, tra cui spiccano gli straordinari corredi funerari longobardi.

Cosa visitare nei dintorni di Cividale del Friuli

Le colline circostanti Cividale del Friuli sono disseminate di vigneti che producono alcuni dei migliori vini del Friuli Venezia Giulia.
La Strada del Vino e dei Sapori del Friuli Venezia Giulia offre un percorso enogastronomico imperdibile. Non lontano si trovano anche le rovine dell’antica Aquileia, altro sito UNESCO, ricca di mosaici paleocristiani.

Come arrivare a Cividale da Udine in macchina

Cividale del Friuli si trova a soli 20 km da Udine, rendendola facilmente accessibile in auto. Basta seguire la SS54 in direzione nord-est per circa 30 minuti. Il percorso è semplice e ben segnalato, attraversando la pittoresca campagna friulana.

Come vivere la visita in famiglia

Cividale del Friuli è una destinazione perfetta per le famiglie, grazie alla varietà di esperienze che offre. Dalle passeggiate nel centro storico alla scoperta dei parchi e aree gioco lungo il fiume Natisone, ogni membro della famiglia troverà qualcosa di interessante.

Non mancate di partecipare a una delle tante visite guidate tematiche, ideali per imparare divertendosi.

Quando visitare Cividale del Friuli

Il periodo migliore per visitare Cividale è la primavera o l’inizio dell’autunno, quando il clima mite rende piacevoli le passeggiate all’aperto e l’esplorazione dei siti storici, evitando al contempo le folle estive. Questi periodi offrono anche la possibilità di partecipare a eventi culturali e festival enogastronomici che animano il borgo e la regione circostante.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.