Top

Il Borgo in Toscana che vide nascere un genio assoluto della storia italiana

La Toscana, una regione italiana famosa per i suoi paesaggi ondulati, i vigneti, e i borghi storici, nasconde tra le sue colline un gioiello poco conosciuto ma di grande importanza culturale: il borgo di Caprese Michelangelo. Questo piccolo paese, immerso nella quiete delle campagne toscane, offre non solo panorami mozzafiato ma anche una ricca storia legata a uno dei più grandi artisti di tutti i tempi.

Storia del borgo di Caprese Michelangelo

Un Passato Antico

Le prime tracce del castello di Caprese risalgono al 1082, periodo in cui era posseduto dai signori di Galbino. Tuttavia, il nome di Caprese compare già in un documento del 1011. La sua fondazione è tradizionalmente attribuita al periodo delle dispute tra Longobardi e Bizantini. Nel 1104, il castello e il suo territorio furono ceduti ai monaci Camaldolesi.

Contese Medievali

Per secoli, la sua posizione strategica ha reso il castello di Caprese oggetto di dispute. Fu controllato da Arezzo nel 1226, per poi passare ai Guidi di Romena nel 1260. Nel 1324, l’esercito di Arezzo, guidato da Pier Saccone Tarlati, conquistò la fortezza dopo un assedio di tre mesi.

Il Passaggio a Firenze e la Nascita di Michelangelo

Dopo periodi di controllo da parte di Arezzo e una breve dominazione di Perugia, nel 1384 Caprese si sottomise a Firenze, diventando sede di una Podesteria. È in questo contesto storico che, il 6 marzo 1475, vide la luce Michelangelo Buonarroti, il cui nome è oggi indissolubilmente legato al borgo.

Decadenza e Rinascita

Nei secoli successivi, il castello subì un lungo periodo di decadenza, descritto spesso come in rovina. Tuttavia, a partire dalla seconda metà del XIX secolo, la scoperta dell’atto di nascita di Michelangelo ha dato il via a una serie di restauri e alla creazione del Museo Casa Natale di Michelangelo Buonarroti.

Nel 1860, il plebiscito per l’annessione della Toscana al Regno di Sardegna vide a Caprese una maggioranza risicata di voti favorevoli, riflettendo una certa resistenza all’unificazione.

(Foto via sito ufficiale comune di Caprese Michelangelo)

Simboli del Borgo: stemma e significato

Lo stemma di Caprese Michelangelo è diviso in due parti: la prima rappresenta una capra d’argento che scala un albero, simbolo adottato nel 1324 in seguito alla sottomissione a Guido Tarlati. La seconda parte dello stemma, ispirata al blasone dei Buonarroti, fu aggiunta nel 1913, quando al nome di Caprese fu affiancato quello di Michelangelo.

Visitare Caprese Michelangelo significa immergersi in una storia affascinante, che unisce arte, architettura e eventi storici in un borgo unico nel suo genere. La presenza del genio di Michelangelo, unita alla ricchezza storica del castello e del borgo, rende questo luogo una tappa imperdibile per gli amanti della storia e dell’arte.

Cosa visitare il borgo di Caprese Michelangelo

La Casa di Michelangelo

Il museo nella casa natale di Michelangelo Buonarroti offre una visione intima sulla vita e le opere del grande artista. All’interno, si possono trovare reperti e documenti che raccontano la sua storia e il suo legame con il borgo.

Il Castello di Caprese

Un altro punto di interesse è il Castello di Caprese, una fortezza medievale che domina il paesaggio circostante, testimoniando la lunga storia del borgo.

Cosa vedere nei dintorni

Il Santuario di La Verna

Nei dintorni di Caprese Michelangelo si trova il Santuario di La Verna, noto per essere il luogo dove San Francesco d’Assisi ricevette le stigmate. Immerso in un bosco secolare, il santuario è un luogo di grande spiritualità e bellezza naturale.

Le Foreste Casentinesi

La zona è anche vicina al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, una riserva naturale che offre sentieri per escursioni e una ricca flora e fauna.

Come arrivare al borgo in macchina da Siena

Da Siena, Caprese Michelangelo è raggiungibile in auto percorrendo la SS73 e la SR71, passando attraverso la suggestiva campagna toscana. Il viaggio dura circa due ore e permette di ammirare alcuni dei più bei paesaggi della regione.

Perché vale la pena visitare il borgo

Visitare Caprese Michelangelo significa immergersi nella storia e nell’arte del Rinascimento italiano. Il borgo offre una prospettiva unica sulla vita di uno dei più grandi artisti della storia, in un contesto naturale e storico di rara bellezza. La tranquillità e l’atmosfera autentica del borgo lo rendono una destinazione ideale per chi cerca un’esperienza culturale profonda, lontana dalle rotte turistiche più battute.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.