Top

Il borgo in Umbria dove le donne salvarono tutti dall’assedio: un’impresa eroica

Nel cuore dell’Umbria, si nasconde Scheggino, un borgo di rara bellezza, che sembra sospeso nel tempo. Circondato da vegetazione fantastica e corsi d’acqua cristallini, Scheggino è una destinazioborgone imperdibile per chi cerca la tranquillità della natura, la ricchezza della storia e l’autenticità della cucina locale (davvero sublime).

Storia di Scheggino

Scheggino, originariamente noto come Schiaginum, sorse nel XII secolo come castello fortificato del Ducato di Spoleto, strategicamente posizionato per monitorare uno dei ponti sul fiume Nera. Questo ruolo di sentinella gli conferì importanza strategica e economica nel corso del XIII secolo, nonostante gli attacchi subiti dalle comunità ribelli a Spoleto.

L’assedio del 1522

Un evento degno di nota nella storia di Scheggino fu l’assedio del 1522 da Picozzo Brancaleoni. Con gli uomini assenti, furono le donne del borgo a organizzare una difesa eroica che respinse gli assalitori, salvando il borgo. Questa vittoria femminile è celebrata annualmente con una rievocazione storica.

La sottomissione

Anche se sottomesso a Spoleto fino al XVIII secolo, Scheggino mantenne una certa autonomia, adottando un proprio Statuto nel 1561. Il nucleo più antico del borgo, Capo la terra, risale al XIII secolo e si sviluppò vicino alla rocca, espandendosi nei secoli successivi. Il XVI secolo vide l’espansione finale del borgo, inclusa la costruzione di un canale per il mulino, sottolineando l’importanza dell’acqua per la comunità.

(Foto via tripadvisor)

Cosa vedere a Scheggino

  • Il Castello di Scheggino: antica fortezza che domina il paesaggio circostante.
  • Il Borgo Medievale: un dedalo di vicoli stretti e case in pietra che raccontano storie di secoli passati.
  • La Chiesa di San Nicola: risalente al XII secolo, custodisce preziose opere d’arte.
  • Il Parco del Valcasana: spazi verdi ideali per passeggiate nella natura.
  • Le Sorgenti del Clitunno: vicino al borgo, offrono uno spettacolo naturale di rara bellezza.

Cosa visitare nei dintorni di Scheggino

  • Spoleto: famosa per il Festival dei Due Mondi, è ricca di monumenti storici e arte.
  • La Cascata delle Marmore: una delle cascate artificiali più alte d’Europa, a breve distanza in auto.
  • Norcia: nota per i suoi prodotti enogastronomici, soprattutto tartufi e salumi.
  • Il Parco Nazionale dei Monti Sibillini: per gli appassionati di escursioni e natura.

(Foto via tripadvisor)

Mappa di Scheggino

Come arrivare a Scheggino da Roma

Da Roma, Scheggino è raggiungibile in auto percorrendo l’autostrada A1 fino all’uscita per Orte, seguendo poi le indicazioni per la E45 in direzione di Terni e prendendo l’uscita per Scheggino. Il viaggio dura circa due ore, offrendo lungo il percorso panorami mozzafiato della campagna umbra.

Curiosità di Scheggino

Una delle curiosità che rende Scheggino unico è la sua tradizione culinaria, in particolare per quanto riguarda il tartufo nero e i piatti a base di pesce di fiume, che si possono gustare nelle numerose trattorie del borgo. Inoltre, il borgo è attraversato da canali d’acqua che aggiungono un tocco magico all’atmosfera già incantevole del luogo.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.