Top

Il borgo nelle Marche diventato la capitale del tartufo nel mondo

Sapevate che esiste un borgo celebre per i tartufi e immerso in una riserva naturale che regala scorci indimenticabili e panorami mozzafiato? Si trova in una delle regioni del centro Italia e passeggiare tra i suoi vicoli sarà un vero piacere, tra natura, avventura e buon cibo!

Situato alle pendici dei monti Catria e Nerone e nel punto di incontro tra i fiumi Burano e Candigliano, questo borgo magico è collocato lungo l’antica Via Flaminia e si trova in provincia di Pesaro e Urbino. Rappresenta un luogo da visitare assolutamente, in quanto coniuga delle bellezze naturali senza pari, visto che si trova a pochi passi da una delle riserve naturali più belle del centro Italia, alla storia e al buon cibo. Stiamo parlando di Acqualagna, nelle Marche. Scopriamo qualcosa in più su questo borgo bellissimo!

La storia di Acqualagna

Fondazione e Sviluppo Medievale

Acqualagna, nelle Marche, ha origini che risalgono all’abbazia di San Vincenzo al Furlo, inclusa la cappella di Santa Maria Maddalena e un ospedale per i pellegrini. Un evento chiave fu la costruzione della chiesa di Santa Lucia, ordinata da Papa Giulio II nel 1506 e consacrata nel 1537, simbolo dell’importanza religiosa e architettonica della città.

Transizioni Politiche nel XIX Secolo

Nel XIX secolo, Acqualagna vide significativi cambiamenti politici: aderì alla Repubblica Romana nel 1849 e entrò nel Regno di Savoia nel 1860, poco prima della battaglia di Castelfidardo che segnò la fine del dominio papale sulle Marche.

Sviluppi e Sfide nel XX Secolo

Fondazione e Sviluppo Medievale

Acqualagna, nelle Marche, ha origini che risalgono all’abbazia di San Vincenzo al Furlo, inclusa la cappella di Santa Maria Maddalena e un ospedale per i pellegrini.
Un evento chiave fu la costruzione della chiesa di Santa Lucia, ordinata da Papa Giulio II nel 1506 e consacrata nel 1537, simbolo dell’importanza religiosa e architettonica della città.

Transizioni Politiche nel XIX Secolo

Nel XIX secolo, Acqualagna vide significativi cambiamenti politici: aderì alla Repubblica Romana nel 1849 e entrò nel Regno di Savoia nel 1860, poco prima della battaglia di Castelfidardo che segnò la fine del dominio papale sulle Marche.

Sviluppi e Sfide nel XX Secolo

Il XX secolo fu un periodo di progresso inframmezzato da sfide economiche. Durante la prima guerra mondiale, il sindaco Brigidi garantì servizi cruciali nonostante la crisi economica. Negli anni ’20 e ’30, sotto la guida del sindaco Pasquale Ciampiconi, furono realizzate importanti infrastrutture come l’acquedotto del Furlo e diverse strade vitali.
Nonostante la crisi economica e la disoccupazione degli anni ’30, la comunità mostrò resilienza, particolarmente evidente durante il “giorno dell’alleanza” del 1935, quando gli abitanti contribuirono con oro alla causa nazionale.

Cosa vedere ad Acqualagna

Tappa da non perdere ad Acqualagna è quella che porta direttamente alla Chiesa Parrocchiale del borgo, la Chiesa di Santa Lucia. Sebbene la facciata sia semplice e di poco impatto, l’interno custodisce sei suggestive cappelle affrescate da apprendisti della scuola umbra.

Poco distante, dovete assolutamente visitare il Santuario della Madonna del Pelingo, a cui furono attribuiti poteri miracolosi. Acqualagna, inoltre, ospita la casa museo di Enrico Mattei, il fondatore dell’ENI che nacque proprio in questo borgo nei primi anni del ‘900.

Consigliata anche una visita alla Chiesa di San Vincenzo al Furlo, che ospita quello che resta di un’abbazia dell’VIII secolo.

Nelle vicinanze di Acqualagna

Come anticipato, il borgo di Acqualagna offre un bellissimo paesaggio naturale, offerto dalla Riserva Naturale Gola del Furlo, creato dall’erosione del fiume Candigliano, che ha eroso la roccia formando una suggestiva “gola”.

Qui è possibile seguire i sentieri di trekking, passeggiare nella natura e ammirare panorami mozzafiato, con la possibilità di vivere un’esperienza adrenalinica nel Parco Avventura situato all’interno della Riserva Naturale.

Da Acqualagna, inoltre, è possibile prevedere una tappa anche ad Urbino, uno dei centri più importanti del Rinascimento con una visita al Palazzo Ducale.

Mappa di Acqualagna

Curiosità di Acqualagna

Acqualagna è un borgo famoso anche fuori dall’Italia per essere la “Capitale del Tartufo”, una tradizione che risale a secoli fa e che continua ad essere un elemento distintivo del borgo.
Ogni anno, nel mese di ottobre, si tiene la Fiera Nazionale del Tartufo, un evento imperdibile per gli amanti della gastronomia e della tradizione culinaria locale.