Top

Il borgo romagnolo dove sorge la rocca “degli eterni amanti”

Il borgo di Montefiore Conca sorge in provincia di Rimini, e vanta una storia millenaria. Come altri borghi della zona circostante, venne governato dal conte Malatesta e dal Papa, e nel territorio è possibile osservare i segni di questo lungo governo. Scopriamone le bellezze insieme.

Storia di Montefiore Conca

Le prime testimonianze storiche di Montefiore Conca risalgono al 1136, quando la protezione Apostolica fu concessa alla sua chiesa di San Paolo da Papa Innocenzo II. Questo segnò l’inizio documentato della sua esistenza, preludio a una storia ricca e complessa.

Nel 1320, il borgo passò sotto il controllo dei Malatesta per volontà di Papa Giovanni XXII, avviando un’era di influenza significativa per Montefiore. Un censimento del 1371 mostrò una comunità di 160 focolari, evidenziando l’importanza del borgo all’epoca. Galeotto Malatesta e poi suo figlio Galeotto Belfiore, nato nella rocca locale e morto giovane per un’epidemia, furono figure chiave nella sua storia.
Dopo di loro, Carlo, sostenitore della Chiesa nello scisma d’Occidente, e successivamente suo nipote Roberto e il fratello Sigismondo, portarono prosperità e cultura, nonostante le tensioni con il papato culminate nella scomunica e perdita dei territori di Sigismondo.

Nei secoli a seguire, Montefiore conobbe vari domini, da Cesare Borgia alla Repubblica di Venezia, fino alla Santa Sede e poi al Regno Italico di Napoleone. Dopo il Congresso di Vienna, ritornò sotto l’influenza papale, per poi unirsi al Regno di Sardegna e infine al Regno d’Italia nel 1861.

Il borgo, rinominato Montefiorito nel 1863, ritrovò il suo nome originale nel 1917, su proposta di Don Paolo Palmerini.

La nomenclatura di Montefiore, legata a leggende e tradizioni, simboleggia la stratificazione di storie che hanno plasmato il suo carattere unico.

Cosa vedere a Montefiore Conca

  • Rocca Malatestiana: la rocca è il palazzo principale del borgo, e risale alla metà del Trecento quando i Malatesta si insediarono qui, anche se è possibile che il complesso esistesse già nell’XI secolo. All’ultimo piano è possibile ammirare un fantastico belvedere da cui si può ammirare tutta la Riviera romagnola.
  • Chiesa di San Paolo: questo bellissimo edificio religioso custodisce un crocifisso alto più di tre metri e mezzo.
  • Santuario della Madonna di Bonora: anche detta Cella di Bonora, qui si può ammirare un antico dipinto della Madonna che allatta il figlio.

Cosa vedere nei dintorni di Montefiore Conca

  • Cattolica: questa località turistica di mare affacciata sul mare Adriatico, è una meta di punta della Riviera romagnola.
  • Rimini: il capoluogo di provincia dell’Emilia Romagna è la meta perfetta per unire divertimento, cultura e turismo balneare.
  • Tavoleto: questo splendido borgo in provincia di Pesaro e Urbino di origine medievale venne fortificato dai Malatesta.
  • Repubblica San Marino: lo stato autonomo della Repubblica di San Marino si trova a pochissimi km di distanza e conservato un’architettura antichissima.

Come arrivare a Montefiore Conca da Rimini

Da Rimini arrivate in 37 min tramite SP31 o tramite SP31 e SP84 oppure tramite Autostrada A14/Autostrada Adriatica/A14.

Curiosità su Montefiore Conca

Il borgo celebra ogni autunno, nel periodo di ottobre, la sagra della castagna, prodotto di punta di questo paese, coltivata nei due boschi locali: il Faggeto e il Monte Auro.
In occasione della sagra che si svolge tutte le domeniche di ottobre il paese si accende a festa.

Mappa di

Giovanna Caletti Con un'anima inquieta e una passione innata per l'avventura, Giovanna Caletti è un'autentica esperta di viaggi e un'affermata autrice, i cui consigli hanno ispirato innumerevoli famiglie a esplorare il mondo insieme. Giovanna si è dedicata a condividere itinerari unici e destinazioni affascinanti attraverso i suoi articoli per PiccoliEsploratori.com. Le sue parole trasmettono un senso di meraviglia e scoperta che cattura l'immaginazione dei lettori di tutte le età. Attraverso le sue avventure, Giovanna incarna l'idea che i viaggi non sono solo spostamenti fisici, ma esperienze che arricchiscono la mente e il cuore.