Top

Il borgo vicino a Villa d’Este dove vedere ciò che rimane dell’antico monastero di San Giorgio

Situato nella valle dell’Aniene, Riofreddo è un piccolo borgo del Lazio che offre un’affascinante combinazione di storia, cultura e paesaggi naturali. Con le sue origini che risalgono all’epoca romana e medievale, Riofreddo rappresenta una destinazione ideale per gli amanti della natura e della storia oltre a offrire l’opportunità di scoprire la storia del monastero di San Giorgio.

Storia di Riofreddo

Origini e Influenze Antiche

Riofreddo, situato su un territorio strategicamente importante, ha radici che si estendono fino all’epoca dei Longobardi, come suggerito dal toponimo “Staffari“.
Questa parola deriva dalla radice longobarda “staff(a)(o)(u)l”, che in italiano significa “staffa” e indica un palo confinario, segno delle antiche delimitazioni territoriali.
Questo nome appare in antiche pergamene, stabilendo Riofreddo come un punto di incontro tra gli interessi delle abbazie di Farfa, Subiaco e san Cosimato, e si trova all’incrocio di diverse diocesi importanti, rendendolo un cruciale nodo di confine.

Evoluzione Medievale e Religiosa

Con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente, Riofreddo e la sua regione subirono un profondo cambiamento nei modelli abitativi. La popolazione si sparse in piccole unità insediative, gravitando attorno a chiese rurali, che divennero i centri della vita comunitaria. Queste chiese, sebbene molte siano scomparse, hanno lasciato traccia nei toponimi e nei documenti storici.

Importanza del monastero di San Giorgio

Uno dei luoghi più emblematici nella storia di Riofreddo è il Monastero di San Giorgio. Documentato già dal IX secolo come possesso dell’abbazia di Subiaco, il monastero era situato vicino al torrente Acqua Frigida. Il sito dominava una via cruciale e serviva come importante snodo commerciale e culturale durante il Medioevo, specie sotto la dominazione della famiglia Colonna.

(foto via Tripadvisor)

Decadenza e rinascita del borgo

Nel corso dei secoli, la funzione del Monastero di San Giorgio declinò, soprattutto tra il XVI e il XVIII secolo. Inizialmente elevato a commenda sotto Papa Innocenzo X e poi ceduto alla famiglia Roberti nel 1750, il monastero subì vari rimaneggiamenti, con significative ristrutturazioni risalenti alla fine del XII secolo.
Questi lavori hanno lasciato resti architettonici significativi, come le pietre squadrate del portale e i resti di un antico Ciborio, oggi parzialmente conservati nella Parrocchiale di San Nicola.

Conservazione del patrimonio

Oggi, un modello esposto nel museo di Riofreddo illustra una possibile ricostruzione del monastero basata sulle strutture murarie rimanenti e sul confronto con altre costruzioni benedettine nel Lazio.
Questo aiuta a comprendere meglio l’architettura e l’importanza storica del complesso monastico nel tessuto sociale e religioso di Riofreddo attraverso i secoli.

(Fonte confinelive di Luca Verzulli)

(foto via Tripadvisor)

Cosa vedere a Riofreddo

  • Palazzo Borghese: Residenza storica che un tempo apparteneva alla nobile famiglia Borghese.
  • Chiesa di San Nicola di Bari: Antica chiesa che contiene opere d’arte e affreschi di notevole valore.
  • Museo Civico: Espone reperti archeologici e storici legati alla storia del borgo e della regione.
  • Ruderi del Castello Medievale: Resti di un castello che dominava la valle, offrendo una vista panoramica sul territorio circostante.

Cosa visitare vicino a Riofreddo

  • Subiaco: famoso per i suoi monasteri benedettini, tra cui il Monastero di San Benedetto e il Monastero di Santa Scolastica.
  • Tivoli: nota per le sue ville patrimonio dell’UNESCO, come Villa d’Este e Villa Adriana.
  • Monti Simbruini: una destinazione perfetta per gli escursionisti e gli amanti della natura, con numerosi sentieri e paesaggi mozzafiato.
  • Cervara di Roma: conosciuto come “Il Borgo degli Artisti”, offre gallerie d’arte e una comunità artistica vibrante.

Mappa di Riofreddo

Cosa mangiare a Riofreddo

La cucina di Riofreddo riflette la tradizione culinaria del Lazio, con piatti che includono:

  • Pasta alla carbonara: un classico romano che trova variazioni deliziose in questa area.
  • Abbacchio a scottadito: agnello arrostito tipico della regione, spesso servito con patate al forno.
  • Ciambelle al vino: dolci tradizionali perfetti come snack o dessert, accompagnati da un bicchiere di vino locale.

Come arrivare a Riofreddo da Roma in auto

Per raggiungere Riofreddo da Roma, prendere l’autostrada A24 in direzione di L’Aquila, uscire a Vicovaro-Mandela e seguire le indicazioni per Riofreddo sulla SP 41/a. Il viaggio dura circa un’ora e offre scorci bellissimi della campagna laziale.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.