Top

Il castello più grande del Lazio è una vera meraviglia: 132 stanze e 10 mila metri quadrati da visitare

Nel cuore della campagna romana sorge il Castello Savelli-Torlonia, una dimora storica che racchiude secoli di storia, arte e architettura. Questo antico maniero offre un tuffo nel passato, permettendo ai visitatori di esplorare l’epoca medievale e rinascimentale, e di scoprire le storie delle illustri famiglie che lo hanno abitato.

Storia del Castello Savelli-Torlonia

Il Castello Savelli-Torlonia, la cui origine risale al 1064, fu inizialmente costruito dalla famiglia Ottaviani, un ramo dei Crescenzi. Originariamente a pianta quadrata e esteso su circa un ettaro, il castello subì nel tempo numerosi cambiamenti, soprattutto dopo il 1250 quando fu acquisito da Luca Savelli, nipote di Papa Onorio III. Questo periodo segnò l’inizio di una serie di rimodernamenti, particolarmente evidenti attorno alla torre di guardia medievale.

Il castello ricostruito

Nel Cinquecento, Troilo Savelli commissionò una significativa ricostruzione del castello, che includeva il rinforzo delle strutture e l’ornamento delle stanze e della cappella con affreschi, opera di Baldassarre Peruzzi. Questi affreschi, ancora oggi ammirabili, celebrano eroi romani e le arti liberali, arricchendo gli interni con scene grottesche e allegorie.

Da residenza a biblioteca

Fino al Novecento, il castello cambiò più volte proprietario, finché non fu venduto al Comune di Palombara nel 1971, diventando sede di una biblioteca e di un museo naturalistico.
Nonostante le numerose trasformazioni subite nei secoli, il castello ha mantenuto il suo carattere medievale, grazie all’uso continuato delle stesse tecniche e materiali edili originari. Oggi, con i suoi 132 ambienti distribuiti su 10.000 metri quadrati, è considerato il più grande castello del Lazio, dominato dalla sua imponente torre di guardia.

Cosa vedere nel Castello Savelli-Torlonia

  • Sale Affrescate: spazi interni decorati con affreschi che narrano la storia e le gesta delle famiglie nobili che hanno abitato il castello.
  • Cappella Privata: un luogo di culto intimo e riccamente decorato, testimone della devozione religiosa dei proprietari del castello.
  • Giardini all’Italiana: estesi giardini curati con precisione, caratterizzati da geometrie e simmetrie tipiche dello stile rinascimentale.
  • Collezione di Mobili d’Epoca: arredi che raccontano secoli di storia domestica e di gusto artistico, perfettamente conservati all’interno del castello.
  • Opere d’Arte e Manufatti: una raccolta di dipinti, sculture e oggetti d’arte appartenuti alle famiglie Savelli e Torlonia.

Cosa visitare nei dintorni del Castello Savelli-Torlonia

  • Palombara Sabina: Un suggestivo borgo medievale noto per le sue strette viuzze, il castello e le viste panoramiche sulla campagna circostante.
  • Monti Lucretili: Parco naturale che offre sentieri escursionistici tra paesaggi montani, fauna selvatica e flora tipica del Mediterraneo.
  • Abbazia di Farfa: Uno dei più importanti monasteri benedettini d’Italia, con una ricca biblioteca e affascinanti opere d’arte.
  • Tivoli: Famosa per Villa d’Este con i suoi giardini e fontane rinascimentali, e Villa Adriana, la residenza dell’imperatore Adriano.
  • Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini: Un’area protetta che si estende tra le province di Roma e Frosinone, ideale per amanti della natura e del trekking.

Mappa del castello e indirizzo

  • Provincia: Roma
  • Comune: Palombara Sabina
  • Modalità di accesso: Solo con visita guidata
  • Riferimenti: Associazione amici del castello Tel. 339 2378148
  • Indirizzo: Palombara Sabina (RM), Via F. Pompili snc

Come arrivare al Castello da Roma in Auto

Raggiungere il Castello Savelli-Torlonia da Roma è semplice e offre l’opportunità di godere del paesaggio della campagna laziale. Partendo da Roma, si può prendere l’autostrada A24 in direzione di Tivoli, per poi proseguire sulla SP23a seguendo le indicazioni per Palombara Sabina. Il viaggio dura circa un’ora e conduce direttamente all’ingresso del castello, dove inizia l’avventura in questo magnifico angolo di storia e natura.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.