Top

In un borgo in Toscana divenuto leggenda grazie alla battaglia tra Carlo Magno e i Saraceni

Sovicille, un delizioso comune situato nella provincia di Siena, Toscana, è una destinazione che incanta per la sua ricchezza storica e la bellezza naturale. Questo borgo, circondato da colline verdeggianti e ricco di monumenti antichi, offre un’immersione nella storia e nella cultura toscana meno conosciuta ma altrettanto affascinante.

Storia di Sovicille

L’origine del nome “Siena vecchia” si collega alla fondazione etrusca da parte del figlio di Remo, Senio, mentre il vicino villaggio di Brenna potrebbe derivare dal capo dei Galli Senoni, Brenno.

Documentato fin dal 1004, Sovicille mostra tracce di epoche romana, etrusca e longobarda. Durante l’alto medioevo, era al confine tra le diocesi di Siena e Volterra, e le due pievi di San Giovanni Battista al Ponte allo Spino e di San Giusto a Balli riflettono le tensioni di quell’epoca.

Nel Medioevo, Sovicille diventò strategico per l’espansione di Siena, che cercava di superare i limiti del suo piccolo territorio originario attraverso bonifiche e l’acquisizione di nuove terre, spesso a spese dei feudi preesistenti.

Durante il dominio dei Medici, a partire dal 1557, Sovicille subì una trasformazione con l’introduzione del feudalesimo e la conversione delle strutture difensive in ville aristocratiche. La regione, nota per l’estrazione di argento e la produzione di zafferano, fu significativa anche per il commercio e le attività bancarie delle grandi compagnie mercantili senesi.

Passato ai duchi di Lorena nel primo Ottocento e poi sotto il controllo francese con Napoleone, Sovicille fu annesso al Granducato di Toscana fino all’unificazione italiana nel 1860, diventando parte del Regno d’Italia. Questo periodo ha marcato l’ultima fase di una lunga storia di cambiamenti politici e culturali che hanno plasmato il Sovicille di oggi.

Cosa vedere a Sovicille

  • Pieve di San Giovanni Battista a Ponte allo Spino: una delle chiese più antiche e affascinanti della zona, con origini che risalgono all’XI secolo.
  • Abbazia di Torri: un magnifico monastero del XII secolo, esempio splendido di architettura romanica, famoso per il suo chiostro silenzioso e ben conservato.
  • Castello della Cetinale: un bellissimo esempio di architettura barocca del XVII secolo, con un vasto giardino all’italiana e una cappella.
  • Necropoli Etrusca di Malignano: un sito archeologico importante che offre uno sguardo sulla civiltà etrusca e le sue pratiche funerarie.

Cosa visitare vicino a Sovicille

  • Siena: a soli 15 chilometri, Siena è una città imperdibile, famosa per il suo palio e la splendida Piazza del Campo.
  • San Gimignano: conosciuta come la città delle belle torri, offre un tuffo nella storia medievale e panorami mozzafiato.
  • Monteriggioni: un altro gioiello medievale, noto per le sue imponenti mura e la sua atmosfera intatta.
  • Abbazia di San Galgano: famosa per la spada nella roccia e le rovine gotiche della grande abbazia.

Curiosità di Sovicille

Una curiosità affascinante di Sovicille riguarda l’Abbazia di San Leonardo al Lago, situata nelle vicinanze del borgo. Secondo la leggenda, le acque del lago vicino avrebbero ospitato una battaglia tra Carlo Magno e i Saraceni, rendendo il luogo storico non solo per i suoi valori architettonici ma anche per i miti che lo circondano.

Mappa di Sovicille

Come arrivare a Sovicille da Firenze

Sovicille è facilmente accessibile in auto da Firenze. Il percorso più diretto prevede di prendere l’autostrada A1 direzione Roma, uscire a Firenze Impruneta e seguire la superstrada Firenze-Siena.
Uscire a Siena Ovest e proseguire sulla SS73, seguendo le indicazioni per Sovicille. Il viaggio dura circa un’ora.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.