Top
Francia

La Tour Eiffel: la sua storia e 10 curiosità che forse non sapevi

Tutti noi conosciamo la Tour Eiffel, simbolo di Parigi e dell’Europa: ma ci sono alcuni segreti e curiosità che non tutti conoscono. Scopriamone la storia e alcuni dettagli che hanno reso unico questo monumento e simbolo della Francia.

La storia della Tour Eiffel

La Tour Eiffel, progettata dall’ingegnere Gustave Eiffel e dai suoi collaboratori Maurice Koechlin e Émile Nouguier, fu costruita come ingresso all’Esposizione Universale del 1889, un evento organizzato per celebrare il centenario della Rivoluzione Francese. Il design innovativo della torre fu inizialmente controverso tra gli intellettuali e gli artisti parigini, ma alla fine divenne uno dei simboli più riconoscibili di Parigi e del mondo.

La costruzione della torre iniziò nel 1887 e fu completata in record tempo, soli due anni dopo, nel 1889. Originariamente alta 300 metri, la Torre Eiffel fu l’edificio più alto del mondo fino al completamento del Chrysler Building a New York nel 1930.
Era previsto che la torre fosse smantellata dopo 20 anni, ma fu salvata grazie al suo utilizzo come torre per antenne radio, che si dimostrò essenziale per la comunicazione durante eventi cruciali come la Prima e la Seconda Guerra Mondiale.

10 curiosità che forse non sapevi sulla Tour Eiffel

  1. Progettazione e costruzione: La Torre Eiffel fu progettata da Maurice Koechlin e Émile Nouguier, due ingegneri che lavoravano per la compagnia di Gustave Eiffel. Fu costruita per l’Esposizione Universale del 1889, che celebrava il centenario della Rivoluzione Francese.
  2. Durata prevista: Originariamente, la Torre Eiffel doveva essere smantellata dopo 20 anni, ma fu salvata perché si rivelò preziosa per esperimenti con le trasmissioni radio.
  3. Altezza e modifiche: Al momento del completamento, la Torre Eiffel era l’edificio più alto del mondo, con i suoi 300 metri. Oggi, con l’aggiunta di antenne, raggiunge i 324 metri.
  4. Pittura: La torre deve essere ridipinta ogni sette anni per proteggerla dalla ruggine. Per ridipingere la torre sono necessari circa 60 tonnellate di vernice.
  5. Visitatori: È uno dei monumenti a pagamento più visitati al mondo, con milioni di persone che salgono ogni anno per godere della vista panoramica su Parigi.
  6. Illuminazione: Ogni sera, la Torre Eiffel viene illuminata da 20.000 lampadine che fanno brillare il monumento per cinque minuti ogni ora, dall’imbrunire fino all’una di notte.
  7. Ristoranti: Al suo interno ospita due ristoranti, il “58 Tour Eiffel” al primo piano e il più esclusivo “Le Jules Verne” al secondo piano, che offre una delle viste più spettacolari di Parigi.
  8. La torre durante le guerre: Durante la Seconda Guerra Mondiale, quando Hitler visitò Parigi, le corde degli ascensori furono tagliate, e si dice che Hitler sia dovuto salire le scale fino al secondo piano.
  9. Esperimenti scientifici: Gustave Eiffel utilizzò la torre per numerose esperimenti scientifici, inclusi studi sulla resistenza dell’aria e radio trasmissioni.
  10. La torre nel cinema e nella cultura: La Torre Eiffel appare in innumerevoli film e opere letterarie, rendendola uno dei monumenti più riconosciuti e rappresentati nel mondo.

La Tour Eiffel oggi

 

Oggi, la Tour Eiffel è una delle attrazioni turistiche più visitate al mondo e un’importante icona culturale. La torre viene ridipinta regolarmente per mantenere la sua apparenza e prevenire la corrosione. Essa ospita anche ristoranti, una stazione radio, e offre una vista spettacolare di Parigi dal suo punto più alto.
La torre continua a essere un punto di riferimento per eventi e celebrazioni speciali, mantenendo un posto di rilievo nel cuore e nella storia di Parigi.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.