Top

Nel borgo in Liguria dove Genova costruì torri di avvistamento per diventare poi parte del Regno di Sardegna

La Liguria, nota per le sue coste frastagliate e i suoi colorati borghi di mare, custodisce tra le sue pieghe paesaggi mozzafiato e angoli di paradiso poco conosciuti. I suoi borghi, situati tra il blu profondo del mare e il verde intenso delle colline, offrono un’esperienza unica fatta di storia, cultura e tradizioni autentiche. Uno di questi tesori è Deiva Marina, un borgo che racchiude in sé tutta la magia della Liguria.

La storia di Deiva Marina

La storia di Deiva Marina affonda le sue radici nel tempo. Il primo accenno ufficiale al nome “Deiva” appare in documenti del 1191, descrivendo la zona come un porto per l’approvvigionamento di “pietre vermiglie da Paxano”.

Ipotesi sull’Origine del Nome

  • Origini Celtiche: Si ipotizza che il nome “Deiva” derivi dalle radici celtiche “awa” o “dewa”, che significano “corrente d’acqua”, un riferimento al torrente che attraversa il borgo.
  • Origine Pre-Romana: Altre teorie suggeriscono che “Deiva” sia un toponimo preromano, legato alla parola indoeuropea *dewo- ‘dio’, o derivato da una lingua preindoeuropea dei liguri.

Insediamenti Antichi

Il primo documento che attesta la presenza umana a Deiva risale al 774, indicando insediamenti di origine lombarda. Gli insediamenti collinari di Mezzema, Piazza, Passano e Caraschi sorsero nell’VIII secolo.
Fu poi nell’XI secolo che gli abitanti, spostandosi verso la costa, fondarono il borgo di Deiva.

Sviluppo e Influenze Storiche

  • Periodo Genovese: Divenuto un feudo dei marchesi Da Passano, Deiva fu poi incorporato nella Repubblica di Genova come vassallo.
  • Podesteria di Moneglia: Deiva e Mezzema furono inglobati nella podesteria di Moneglia, mentre Piazza e Passano entrarono a far parte della podesteria framurese.
  • Torri di Avvistamento: Nel XVI secolo, Genova costruì due torri di avvistamento vicino al mare, una rotonda e una quadrangolare.

Cambiamenti nel XIX Secolo

Con l’arrivo di Napoleone Bonaparte, Deiva Marina entrò nel Dipartimento del Vara e successivamente nel Regno di Sardegna e nel Regno d’Italia.

Cose vedere a Deiva Marina:

  • Spiagge e Calette: Deiva Marina offre spiagge di sabbia fine e calette nascoste, ideali per giornate di relax al sole o per immersioni alla scoperta dei fondali marini.
  • Il Centro Storico: passeggiando per le strade del borgo si possono ammirare case colorate, strette vie lastricate e piccole piazze, dove il tempo sembra essersi fermato.
  • Chiesa di Sant’Antonio di Padova: una chiesa storica che domina il paese, luogo di pace e spiritualità.
  • Escursioni nella natura: Deiva Marina è un punto di partenza perfetto per escursioni nei sentieri del Parco Nazionale delle Cinque Terre o dell’entroterra ligure.
  • Gastronomia Locale: non si può lasciare Deiva Marina senza aver assaggiato i piatti tipici della cucina ligure, come il pesto, la focaccia e i frutti di mare freschi.

Come arrivare a Deiva Marina da Genova in auto

Partendo da Genova, Deiva Marina è facilmente raggiungibile in auto. Il viaggio dura circa un’ora e offre scorci pittoreschi della Riviera Ligure.

  • Percorso: Prendere l’autostrada A12 in direzione di La Spezia e uscire al casello di Deiva Marina.
  • Tempo di Viaggio: Il tragitto da Genova a Deiva Marina si percorre generalmente in circa 60 minuti, a seconda del traffico.

Deiva Marina è una destinazione ideale per chi cerca un’esperienza autentica in Liguria, lontano dalle rotte turistiche più battute. Qui, tra mare cristallino e natura incontaminata, si possono vivere momenti di puro relax e scoprire la ricca eredità culturale di un piccolo ma affascinante borgo ligure.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.