Top
Marche

Nelle Marche alla scoperta del borgo del Papa sepolto vivo e resuscitato

Nel cuore delle Marche, immerso tra dolci colline e vicino alla turistica costa adriatica, sorge Montecosaro. Questo borgo storico, caratterizzato da un’atmosfera tranquilla e panorami mozzafiato, offre un’immersione autentica nella storia e nella cultura italiana.
Qui non solo storia e cultura ma anche la leggenda di un Papa sepolto vivo e resuscitato.

Storia di Montecosaro

La prima menzione documentata dell’insediamento è datata 936, concentrandosi attorno alla Pieve di San Lorenzo. Il borgo ha avuto un ruolo significativo come avamposto fortificato della Fermo Longobarda e successivamente della Marca Pontificia. Nel 1255, il papa Alessandro IV conferì a Montecosaro il titolo di “Monte Fedele” per il suo fedele servizio alla Santa Sede.

Le invasioni gotiche nel borgo di Montecosaro

Durante le invasioni gotiche, Montecosaro subì distruzioni e stragi, ma continuò a svilupparsi e a trasformarsi nel corso dei secoli. Il “Cassero”, un tempo fortezza imponente e oggi parco urbano, rappresenta il punto più alto del paese e simboleggia il passato militare del borgo.

Il Palazzo Comunale: un monastero e una chiesa del medioevo

Il cuore culturale di Montecosaro è rappresentato dal Complesso Agostiniano Montecosaro, ora Palazzo Comunale, che include un monastero e una chiesa di epoca medievale, arricchiti da elementi architettonici di grande valore. All’interno del palazzo si trova un sarcofago romano del II-III secolo, mentre la chiesa ospita un prezioso organo del XVIII secolo e un reliquiario d’arte barbarico-bizantina.

La Chiesa Collegiata, edificata nel Settecento sulle rovine dell’antica pieve, custodisce un crocifisso ligneo, unica testimonianza dell’antico edificio religioso. Il Teatro delle Logge, risalente al periodo medievale ma trasformato nell’Ottocento, è un altro luogo di interesse storico significativo nel borgo.

L’architettura cluniacense a Montecosaro

Oltre al centro storico, Montecosaro si estende fino a Borgo Stazione, un’area più moderna e industriale. Qui si trova l’Abbazia di Santa Maria a Piè di Chienti, esempio di architettura cluniacense nelle Marche, con origini documentate che risalgono al 936. La chiesa è famosa per le leggende che la circondano, inclusa quella di un papa che, sepolto in un pozzo del monastero, sarebbe risorto dopo tre giorni.

Cosa vedere a Montecosaro

  • Centro Storico: Un labirinto di vicoli stretti che risalgono al Medioevo, perfetto per una passeggiata rilassante.
  • Chiesa di San Firmano: Una chiesa romanica che ospita affreschi di grande valore storico e artistico.
  • Teatro delle Logge: Risalente al XIX secolo, questo piccolo teatro conserva ancora il suo fascino originale.
  • Villa Bonaccorsi: Famosa per i suoi splendidi giardini all’italiana, che offrono una vista panoramica sulle campagne circostanti.

Cosa visitare vicino a Montecosaro

  • Macerata: Conosciuta per il suo storico teatro all’aperto, l’Sferisterio, e il suo vivace ambiente culturale.
  • Recanati: Città natale del poeta Giacomo Leopardi, offre musei e luoghi legati alla sua vita e opere.
  • Civitanova Marche: Una città costiera con belle spiagge e un animato lungomare, ideale per una giornata al mare.
  • Abbazia di Fiastra: Un antico monastero cistercense circondato da un parco naturale, perfetto per gli amanti della natura e delle passeggiate.

Curiosità su Montecosaro

La leggenda della Chiesa dell’Annunziata, un notevole esempio di architettura cluniacense del 936 d.C., racconta un evento miracoloso che ha definito il nome e la celebrazione della chiesa. Secondo la tradizione, un papa fu brutalmente gettato e sepolto vivo in un pozzo all’interno del monastero. Miracolosamente, resuscitò dopo tre giorni, un evento che ha portato a nominare la chiesa come “Annunziata”.
Questo miracolo ha anche ispirato la festa dell’Annunziata, celebrata il 25 marzo con una processione attraverso vie adornate di fiori di carta, simboleggiando rinascita e speranza.

Montecosaro è noto anche per il “Festival del Sorriso“, un evento annuale che celebra l’arte e la cultura con un focus particolare sulla musica e sul teatro. L’evento attira artisti e visitatori da tutta Italia, contribuendo a vivacizzare l’atmosfera già ricca del borgo.

Mappa di Montecosaro

Come arrivare a Montecosaro in auto partendo da Macerata

Da Macerata, prendere la SS77 in direzione Civitanova Marche. Seguire le indicazioni per la SS485 e procedere verso Montecosaro. Il viaggio in auto dura circa 20 minuti, rendendo Montecosaro facilmente accessibile per una gita di un giorno o un weekend di relax.
(Foto di copertina via Tripadvisor)

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.