Top

Raccogliere castagne nei borghi più belli d’Italia: 5 luoghi da non perdere

Con l’Autunno ecco arrivare il periodo della castagne: quale migliore occasione per godersi il foliage e magari visitare qualche bellissimo borgo accanto ad una foresta o un luogo che possa regalare tantissime castagne da raccogliere? Scopriamo i più bei borghi dove anche  raccogliere le castagne.

Passeggiare sotto gli alberi, attraverso sentieri ricoperte di foglie con colori che vanno dal giallo al rosso, godendo del silenzio della natura e cercando cumuli di castagne pronte per essere cucinate: l’autunno è anche questo, un momento dell’anno che regala emozioni romantiche e che ci permette di godere appieno della bellezza di ciò che madre natura offre ai suoi “ospiti”.

Borghi e castagne: alla ricerca della giornata perfetta

Se tutto questo potrà essere fatto abbinando anche una visita in uno dei tantissimi borghi che l’Italia propone, potrebbe essere il giorno più perfetto che possiate mai organizzare in questo ottobre particolare.

Oggi vogliamo proporvi alcuni borghi davvero speciali dove vivere una giornata tra natura e cultura: un viaggio lungo tutta l’Italia alla ricerca dei borghi più belli da visitare anche in autunno

Borghi in autunno dove raccogliere le castagne

San Giorio di Susa (Piemonte)

Ci troviamo in Val di Susa qua il borgo di San Giorgio di Susa vi regalerà un’esperienza bellissima dove paesaggi mozzafiato si fonderanno con un’atmosfera magica tra i vicoli del borgo.
Tutto intorno potremo trovare boschi e alberi di castagno: in questa zona si coltivano i famosi marroni della Valle di Susa IGP.

Qua le castagne occupano un ruolo da protagoniste nella cultura e nel commercio locale: son presenti ben cinque ecotipi di castagne, tutto in funzione del comune di riferimento.
Se desiderate un consiglio, zona del Colle Braida è quella più interessante

Castel del Rio (Emilia-Romagna)

Spostiamoci in Emilia-Romagna, e più precisamente a a Castel del Rio, un borgo di circa 1200 abitanti che sorge sul’Appennino Tosco-Emiliano: qua una passeggiata nel centro storico, circondato da possenti mura, potrà trasformarsi in una caccia alla castagne non appena avrete superato le porte della città.
Le verdi colline che circondano il centro offrono decine di boschi con centinaia di alberi di castagno pronti a regalarvi ottimi marroni.
Per gli amanti della castagna, da non perdere la sagra dei marroni (che si tiene in genere dal 10 al 30 ottobre di ogni anno): non ve ne pentirete!

Combai (Veneto)

Se vorrete godervi le bellezze del Veneto, il borgo di Combai (in provincia di Treviso) potrebbe stupirvi: il piccolo borgo che conta solamente 600 anime circa, è totalmente circondato da castagni che da secoli occupano i boschi circostanti, regalando ad ogni autunno una quantità elevata di buonissime castagne.

Qua il Marrone di Combai IGP è una vera istituzione che, dal oltre 70 anni (dal 1945 per essere precisi), viene celebrato con la Festa dei Marroni, evento della tradizione che si svolge in genere dal 13 ottobre fino a fine mese.

Raggiolo (Toscana)

Lasciamo il nord Italia e spostiamoci in Toscana: qua, a soli 40km da Arezzo sorge il borgo di Raggiolo, anche lui inserito nella lista dei Borghi più Belli d’Italia.
Nel centro storico potremo ammirare luoghi come l’antico molino e il Seccatoio del Cavallari, veri e propri “monumenti” della tradizione locale.
Le foreste tutto intorno al piccolo borgo medievale, detto anche il borgo dei corsi, regalano sentieri splendidi da fare anche in famiglia alla ricerca di castagne da degustare con un buon vino rosso.
La castagna per questo borgo è talmente importante da avergli dedicato anche l’EcoMuseo della Castagna.

Sant’Alfio (Sicilia)

Anche le Isole hanno i loro borghi e il loro fascino: siamo in Sicilia nel borgo di Sant’Alfio, un luogo del ‘600 arroccato sulle pendici dell’Etna a 540 metri..
La bellezza di questo borgo è indiscutibile, come del resto anche i panorami che regala: basti pensare che dalla piazza principale del Duomo potrete ammirare tutta la zona che va da Taormina al golfo di Augusta.
Se amate anche andare a castagne, non potrete perdervi il Castagno dei Cento Cavalli: qua potrete ammirare il castagno più grande d’Italia proprio nel Parco dell’Etna, le sue dimensioni sono incredibili.
Il suo nome deriva dalla leggenda che durante un terribile temporale, Giovanna D’Aragona si riparò sotto la sua possente chioma in compagnia del suo esercito formato da cento soldati a cavallo

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.