Top
Umbria

Un antico borgo in Umbria conteso per un castello: il Papa risolse tutto con un atto estremo

Castel San Giovanni è una frazione affascinante del comune di Castel Ritaldi, situato nella verde regione dell’Umbria. Questo borgo medievale, immerso tra le colline umbre, offre un’atmosfera tranquilla e panorami mozzafiato, rappresentando una destinazione ideale per gli amanti della storia e della natura.

Storia di Castel San Giovanni (Castel Ritaldi)

Castel San Giovanni, originariamente noto come San Giovanni della Botonta, è un borgo che risale al 1376, quando fu edificato per volere del cardinale Egidio Albornoz. Il cardinale intese il castello come feudo da offrire ai Botontei, una mossa che segnava l’inizio di una lunga storia di dominio feudale e conflitti territoriali.

Foligno e l’influenza sul castlelo

Nel 1400, il controllo del castello passò brevemente a Ugolino III Trinci di Foligno, segnando un periodo di influenza folignate sulla zona. Tuttavia, la gestione del castello e dei territori circostanti, inclusi Pomonte e Collemancio, fu assunta nel 1432 dal podestà Albertino da Castel San Giovanni, indicando un ritorno all’autonomia locale.

L’intervento del Papa

Il XV secolo fu un periodo di intensa contesa tra le città vicine di Trevi e Spoleto. Una svolta avvenne nel 1471 quando, attraverso una bolla papale di Sisto IV, il castello fu punitivamente tolto a Spoleto e assegnato a Trevi. Tuttavia, questa decisione fu ribaltata nel 1502, quando gli abitanti, sedotti da promesse economiche e con l’assistenza del capitano di ventura Saccoccio, decisero di riallinearsi con Spoleto.

(foto via Tripadvisor)

Il castello “venduto”

La disputa tra Trevi e Spoleto continuò fino al 1520, quando Papa Leone X intervenne, assegnando definitivamente il castello a Spoleto dietro il pagamento di oltre 3.000 ducati. Questo atto non solo concluse anni di conflitto ma stabilizzò anche la regione per i secoli a venire.

Nel 1863, il borgo cambiò ufficialmente nome da Castel San Giovanni a Castel San Giovanni di Spoleto, e nel 1875 fu incorporato nel comune di Castel Ritaldi. Fino al 1927, la denominazione ufficiale rimase “comune di Castel Ritaldi e San Giovanni”, riflettendo la sua storica connessione con la città di Spoleto e l’eredità combinata delle sue comunità.

Cosa vedere a Castel San Giovanni (Castel Ritaldi)

  • Il Castello di Castel San Giovanni: dominante il paesaggio, il castello è un esempio splendido di architettura medievale, con parti risalenti al XIV secolo.
  • La Chiesa di San Giovanni Battista: nel cuore del borgo, questa chiesa conserva opere d’arte e affreschi di grande valore.
  • Il centro storico: tra le vie strette e le piazze, si possono ammirare edifici storici ben conservati e immergersi nell’atmosfera del passato.

Cosa visitare a Castel San Giovanni (Castel Ritaldi)

  • Le cantine locali: la regione è famosa per la produzione di vini, e molte cantine offrono degustazioni e tour guidati.
  • I sentieri di trekking: esplorate i sentieri che si snodano attraverso le colline e i campi circostanti, offrendo panorami spettacolari e la possibilità di osservare la flora e la fauna locali.
  • Il Museo Civico di Castel Ritaldi: non lontano dalla frazione, questo museo offre una profonda immersione nella storia e nella cultura della zona.

Piatti tipici di Castel San Giovanni (Castel Ritaldi)

  • Strangozzi al tartufo: pasta tipica umbra, spesso servita con un ricco condimento a base di tartufi neri locali (deliziosi)
  • Torta al testo: una sorta di pane piatto cotto su una piastra di ghisa, ottimo accompagnato da salumi e formaggi della zona. Un piatto povero ma favoloso.
  • Lenticchie di Castelluccio: coltivate nelle vicinanze, queste lenticchie sono rinomate per il loro sapore delicato e sono un ingrediente principale in molti piatti tradizionali umbri.

Come arrivare a Castel San Giovanni (Castel Ritaldi) da Perugia

Da Perugia, Castel San Giovanni è facilmente raggiungibile in auto percorrendo la SS75 in direzione sud verso Spoleto e uscendo a Trevi. Il viaggio dura circa 40 minuti.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.