Top

Un borgo fatto di storia, mare e cascate nel cuore della Calabria

Il borgo di Badolato conta meno di tremila abitanti e sorge in provincia di Catanzaro, in Calabria. Nonostante le piccole dimensioni, è una vera perla del territorio calabrese, con un bellissimo centro storico di origine medievale che sorge in cima a una collina circondata da due fiumi.

Storia del borgo di Badolato

Badolato vede le sue origini risalire al 1080, quando Roberto il Guiscardo decise di erigere un castello fortificato in Calabria. Il nome del borgo, Badolato, deriva da Vadolato, indicando fin da subito la sua natura e il suo legame con la storia medievale italiana.

La vita di Badolato fu segnata da importanti eventi storici fin dal 1269, quando il feudo fu concesso agli Angioini e assegnato a Filippo. Quest’ultimo, nel 1270, si trovò coinvolto in un conflitto con il conte Ruffo di Catanzaro. La battaglia culminò con l’assedio di Badolato da parte delle forze del conte Ruffo, che riuscì infine a impadronirsi del borgo. Da quel momento, Badolato rimase sotto il controllo della casata Ruffo fino al 1451.

Successivamente, il borgo passò di mano in mano tra diverse famiglie nobili. Divenne parte dei possedimenti della famiglia Di Francia e nel 1454 fu elevato a baronia sotto i Toraldo. Questa famiglia ebbe un ruolo di rilievo anche nella storica battaglia di Lepanto nel 1571, amministrando il borgo fino al 1596.

Dopo i Toraldo, la signoria di Badolato passò ai Ravaschieri nel 1596, quindi ai Pinelli nel 1692, e infine ai Pignatelli di Belmonte nel 1779. Questi ultimi cedettero il borgo in suffeudo ai Gallelli, che mantennero il controllo fino all’abolizione della feudalità nel 1806.

La storia di Badolato fu segnata anche da eventi naturali catastrofici, come i terremoti che colpirono nel 1640, nel 1659 e nel 1783, e da un’alluvione devastante nel 1951. Tuttavia, il borgo ha saputo rinnovarsi e aprirsi al mondo: nel dicembre 1997, sotto la guida del sindaco Gerardo Mannello, Badolato abbracciò una politica di accoglienza verso l’immigrazione, testimoniata dallo sbarco di centinaia di Curdi sulle sue coste, segnando un nuovo capitolo nella sua lunga e affascinante storia.

Cosa vedere a Badolato

Foto via Tripadvisor

Il cuore pulsante del turismo è il paese di Badolato Superiore, centro storico di origine medievale che sorge in cima a una collina da cui è possibile ammirare il paesaggio circostante tra mare e campagna. Qui si trova la Chiesa di Santa Caterina, risalente al XV secolo.  Da non perdere anche il Castello Galelli di Badolato, in pieno stile neogotico, che domina il paesaggio dall’alto.

Molto note sono anche le Cascate di Badolato che si formano sul fiume Gallipari. Dalle cascate vi sono splendidi percorsi fino a ben 18 km che possono essere fatti a piedi o anche in bicicletta per i più esperti.

Badolato: cosa vedere nei dintorni

Foto via Tripadvisor

Nei dintorni del comune di Badolato, precisamente nella frazione di Badolato Marina, si stagliano chilometri di splendide spiagge tra sabbia dorata mista a ciottoli e vari stabilimenti balneari attrezzati ideali per le famiglie. A 20 km dal borgo sorge il museo e parco archeologico di Monasterace, nel promontorio di Punta Stilo, dove ammirare i resti dell’antica colonia di Kaulon.

La città di Catanzaro, capoluogo della regione, sorge invece a un’ora di distanza. Sia nel borgo che nei dintorni potete poi gustare la deliziosa cucina calabrese, con i suoi sapori decisi come la ‘nduja, la pitta, la sardella, e molto altro.

Mappa del borgo di Badolato

Giovanna Caletti Con un'anima inquieta e una passione innata per l'avventura, Giovanna Caletti è un'autentica esperta di viaggi e un'affermata autrice, i cui consigli hanno ispirato innumerevoli famiglie a esplorare il mondo insieme. Giovanna si è dedicata a condividere itinerari unici e destinazioni affascinanti attraverso i suoi articoli per PiccoliEsploratori.com. Le sue parole trasmettono un senso di meraviglia e scoperta che cattura l'immaginazione dei lettori di tutte le età. Attraverso le sue avventure, Giovanna incarna l'idea che i viaggi non sono solo spostamenti fisici, ma esperienze che arricchiscono la mente e il cuore.