Top

Un borgo in Emilia dove un castello enorme poteva ospitare tutti gli abitanti e i loro animali

Levizzano, una piccola frazione del Comune di Castelvetro di Modena, offre un tuffo nella storia e nella cultura dell’Emilia-Romagna. Con le sue origini che risalgono all’epoca medievale, Levizzano si distingue per il suo castello, i vigneti che lo circondano e la sua atmosfera tranquilla.

Storia di Levizzano

La storia di Levizzano è profondamente legata al suo imponente castello, eretto per la prima volta nel Medioevo. Questa fortificazione ha avuto un ruolo cruciale nella difesa del territorio contro le invasioni e le lotte feudali tipiche di quell’era. Nel corso dei secoli, il castello è stato testimone di numerosi eventi storici che hanno segnato la regione.

Storia del castello

Il Castello di Levizzano, eretto originariamente come baluardo difensivo contro le incursioni degli Ungari alla fine del IX secolo, ha una storia ricca e variegata, riflettendo le trasformazioni sociali e politiche della regione. Le prime documentazioni scritte risalgono all’890, con riferimenti successivi che mostrano il passaggio di proprietà tra nobili famiglie, incluso il Vescovo di Modena e la Contessa Matilde di Canossa fino al XII secolo. Inizialmente, il castello era una semplice struttura fortificata con una torre d’avvistamento e un muro di cinta, destinata ad ospitare la popolazione locale in caso di assedi.

Restauri e ampliamenti

Nel corso dei secoli, il Castello di Levizzano subì numerosi restauri e ampliamenti, trasformandosi da una postazione militare a una residenza signorile. Durante il Rinascimento, assunse una funzione più residenziale e vennero aggiunti il palazzo feudale e una galleria sotterranea che collegava le principali strutture del complesso.
Questi cambiamenti riflettevano le mutate condizioni sociali e il consolidamento del potere della famiglia Rangoni, che acquisì il castello nel 1342 e lo mantenne fino alla conquista napoleonica.

Nuove sale signorili

Il XVI secolo vide ulteriori trasformazioni, con l’aggiunta di sale signorili come la “Sala dei Vescovi”, decorata con affreschi che rappresentavano scene cavalleresche e paesaggi rurali evocativi del territorio circostante. Nonostante le trasformazioni, la struttura base del castello rimase invariata nei secoli successivi.

Nel XIX secolo, il castello subì restauri che lo adattarono a nuove funzioni, includendo una scuola e una torre campanaria. Infine, nel XX secolo, dopo essere passato nelle mani del Comune di Castelvetro nel 1921, il castello fu soggetto a ulteriori lavori di ristrutturazione per ospitare istituzioni educative e abitazioni.

Cosa visitare a Levizzano

  • Castello di Levizzano: un edificio storico che offre una vista mozzafiato sulla vallata circostante.
  • Chiesa di San Lorenzo: una chiesa antica con affreschi e arte sacra di notevole interesse.
  • Parco del Castello: ideale per passeggiate all’aperto tra alberi secolari e viste panoramiche.
  • Cantina Sociale di Levizzano: per degustare i vini locali, tra cui il famoso Lambrusco.

Cosa vedere vicino a Levizzano

  • Castelvetro di Modena: noto per la sua piazza medievale e le torri storiche.
  • Museo Ferrari a Maranello: un must per gli appassionati di automobili.
  • Modena: con il suo Duomo Patrimonio dell’UNESCO e il Museo Enzo Ferrari.
  • Bologna: ricca di storia, cultura e eccellenze culinarie, a soli 40 minuti di auto.

Curiosità su Levizzano

Durante il periodo intorno all’anno Mille, la fortificazione di Levizzano aveva già raggiunto dimensioni considerevoli, estendendosi su un’area di 2750 metri quadrati. Originariamente sviluppata alla fine del IX secolo, la struttura era concepita come un insediamento fortificato. In situazioni di assedio, questa fortificazione non solo serviva come rifugio per la popolazione locale, ma poteva accomodare anche gli animali e le proprietà degli abitanti, garantendo così un rifugio sicuro e protetto per l’intera comunità e i suoi beni più preziosi. Questa capacità di accoglienza riflette l’importanza strategica e la funzionalità della struttura in tempi di conflitto.

Cosa mangiare a Levizzano

La cucina di Levizzano riflette le tradizioni gastronomiche emiliane con piatti come:

  • Gnocco fritto: servito caldo con salumi locali.
  • Borlenghi: una sorta di crêpe sottile condita con lardo e rosmarino.
  • Lambrusco di Modena: il vino frizzante rosso che accompagna alla perfezione i piatti locali.

Mappa di Levizzano

Come arrivare a Levizzano partendo in auto da Bologna

Per raggiungere Levizzano da Bologna, prendere l’autostrada A1 direzione Milano e uscire a Modena Nord. Proseguire sulla SP623 seguendo le indicazioni per Castelvetro di Modena e poi per Levizzano. Il viaggio dura circa 40 minuti ed è un percorso piacevole.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.