Top
Friuli Venezia Giulia

Un borgo in Friuli con due castelli e culla delle prime “bande” partigiane

Attimis, nel cuore del Friuli-Venezia Giulia, è un borgo che incanta per il suo ricco patrimonio storico e culturale, immerso in un paesaggio splendido, questo piccolo comune ai piedi delle Prealpi Giulie, rappresenta una destinazione ideale per chi cerca la tranquillità della vita rurale, senza rinunciare alla scoperta di luoghi carichi di storia e fascino.

Storia di Attimis

La sua storia “ufficiale” sembra prender vita nel 1106, quando viene menzionato il Castello di Attimis, donato dal vescovo di Salisburgo a Matilde d’Attimis e Corrado di Manzano. Questo luogo, definito come un “castrum” situato in un punto noto come Attems, ha rappresentato per secoli il cuore di questa comunità, intorno al quale si sono avvicendate generazioni di abitanti.

Il borgo è legato alla storia della nobile famiglia Attems, che ha abitato i due castelli di Attimis – quello superiore e quello inferiore – fino al 1511, quando un terremoto costrinse alla loro evacuazione. In seguito, ai piedi di queste rovine storiche, venne eretta una villa fortificata, dimora che avrebbe conosciuto il fuoco e la distruzione nel settembre del 1944, incendiata dai tedeschi durante gli eventi della Seconda guerra mondiale.

Questo periodo bellico segnò profondamente il territorio di Attimis, soprattutto nelle località di Forame, Porzûs, Racchiuso, Subit, che divennero teatro delle attività della resistenza friulana. Le Brigate Garibaldi e le Brigate Osoppo condussero operazioni di resistenza contro l’oppressore, e il paese di Subit emerse come un fulcro di questa lotta, dando vita a una delle prime “bande” partigiane subito dopo la capitolazione dell’8 settembre 1943.

La storia di Attimis, però, non è stata segnata solo dalle gesta di resistenza e dalle vicissitudini belliche. Nel 1976, il comune fu colpito da un altro terremoto, questa volta di natura esclusivamente naturale, che devastò il territorio causando ingenti danni soprattutto nelle frazioni montane e alterando irrimediabilmente l’aspetto originario di queste terre.

Cosa vedere a Attimis

  • Il Castello di Partistagno: Una rocca medievale che domina il paesaggio circostante, offrendo una vista spettacolare sulla valle.
  • La Chiesa di San Pietro in Carnia: Un esempio di architettura religiosa medievale che custodisce preziose opere d’arte.
  • I Sentieri del Torre: Percorsi escursionistici che si snodano lungo il fiume Torre, ideali per gli amanti della natura e del trekking.
  • Le Cantine di Attimis: La zona è rinomata per la produzione di vini eccellenti, e molte cantine offrono degustazioni e visite guidate.

(foto via Tripadvisor)

Cosa Visitare Vicino a Attimis

  • Udine: La vivace città di Udine, con la sua piazza Libertà e il castello, è facilmente raggiungibile e offre un interessante contrasto con la tranquillità di Attimis.
  • Cividale del Friuli: Questa città patrimonio UNESCO, nota per il suo ponte del Diavolo e il Tempietto Longobardo, si trova a breve distanza.
  • Il Parco Naturale delle Prealpi Giulie: Per gli appassionati di attività all’aperto, questo parco offre numerosi sentieri per escursioni e la possibilità di ammirare paesaggi mozzafiato.
  • San Daniele del Friuli: Famoso per il suo prosciutto, San Daniele è un piccolo borgo che vale la pena visitare anche per le sue bellezze architettoniche.

Mappa Attimis

Come arrivare a Attimis da Udine in auto

Per raggiungere Attimis da Udine, prendere la SS13 in direzione nord-est verso Tarvisio. Dopo circa 15 km, svoltare a destra seguendo le indicazioni per Attimis. Il viaggio dura circa 20 minuti.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.