Top

Un borgo medievale a Torino talmente bello da essere finto: storia di un parco meraviglioso da non perdere

Incastonato nel cuore di Torino, il Parco del Valentino è un vero e proprio angolo di paradiso che si estende lungo le rive del fiume Po. Questo meraviglioso parco urbano non è solo un’oasi di pace per chi cerca un rifugio dalla frenesia cittadina, ma è anche un luogo ricco di storia, cultura e bellezze naturali.

La Storia del Parco del Valentino

Origini del Nome e Primi Insediamenti

L’origine del nome del Valentino è avvolta nel mistero, ma si crede risalga ai tempi dei primi insediamenti romani. Storici del XIII secolo rivelano l’esistenza di una cappella dedicata a San Valentino, risalente al periodo 176-273 d.C. Questo luogo sacro, un tempo custode di reliquie del santo patrono degli innamorati provenienti da Terni, ha un destino incerto: non è chiaro se sia caduto in rovina o sia stato distrutto, ma si sa che le reliquie furono trasferite nella vicina chiesa di San Vito, situata su una collina oltre il fiume.

La nobiltà e l’evoluzione dell’Area

Nel corso dei secoli, l’area del Valentino ha visto cambiare i suoi proprietari e la sua destinazione d’uso. Originariamente abitata dalla nobile famiglia Birago, che vi edificò una villa, fu poi acquistata da Emanuele Filiberto di Savoia nella metà del XVI secolo. Tra il 1630 e il 1660, l’area vide la costruzione del Castello del Valentino, un’imponente struttura realizzata da Carlo e Amedeo di Castellamonte e utilizzata come residenza estiva dai Savoia. Da semplice parco fluviale del Po, l’area si trasformò in un complesso organizzato con eleganti giardini, subendo significative modifiche nel XIX secolo per diventare il pittoresco parco cittadino che conosciamo oggi, seguendo il progetto romantico del paesaggista francese Barrillet-Dechamps.

Il Parco del Valentino e le Esposizioni

Il Parco del Valentino non è solo un luogo di relax e bellezza naturale, ma è stato anche teatro di importanti esposizioni nazionali e internazionali. Nel 1884, in occasione dell’Esposizione Generale Italiana, fu realizzato il caratteristico Borgo Medievale, progettato da Alfredo d’Andrade, un entusiasta dell’architettura medievale.
Questo Borgo doveva emulare gli stili architettonici dei castelli piemontesi e valdostani del Medioevo. Il parco ha ospitato altre esposizioni significative, come l’Esposizione Generale Italiana del 1898 e l’Esposizione Internazionale di Torino del 1911.
Oggi il Borgo Medievale è utilizzato per mostre ed eventi artistico-culturali.

Mostre e Giardini nel Parco

Il Parco del Valentino non è solo un luogo storico, ma anche un centro per la cultura e la natura. Nel corso degli anni, il parco ha ospitato numerose mostre floreali, tra cui FLOR 61, tenutasi in occasione del centenario dell’Unità d’Italia. Queste esposizioni hanno lasciato in eredità ampie aiuole fiorite, il Giardino Roccioso e il Giardino Montano, arricchiti da cascatelle, fontane e piccoli corsi d’acqua, che oggi rappresentano un ricco patrimonio botanico e paesaggistico.

Cosa visitare nel Parco

Il parco ospita numerose attrazioni. Il fulcro è senza dubbio il Castello del Valentino, un gioiello di architettura barocca che si affaccia sul Po. Non meno affascinante è il Borgo Medievale, una ricostruzione fedele di un villaggio del XV secolo, completato con un castello, botteghe artigianali e un ponte levatoio. Il parco è anche un’oasi di biodiversità, con una varietà di alberi secolari, aiuole fiorite e aree verdi curate, ideali per passeggiate rilassanti o per un picnic all’aperto.

Cosa visitare nei dintorni nel Parco

Nei dintorni del Parco del Valentino si trovano diverse attrazioni di rilievo. A breve distanza, si può visitare il Museo Nazionale dell’Automobile, celebrazione dell’industria automobilistica italiana e internazionale. Per gli appassionati d’arte, il Museo Egizio, a pochi minuti di distanza, offre una delle più ricche collezioni di antichità egizie al mondo.

Come Arrivare al Parco da Milano

Arrivare al Parco del Valentino da Milano è semplice. In treno, si può prendere un servizio diretto da Milano Centrale a Torino Porta Nuova. Dalla stazione, il parco è facilmente raggiungibile con una breve corsa in tram o autobus, o anche a piedi, per chi desidera una piacevole passeggiata attraverso il centro di Torino.
Per chi preferisce la macchina, il viaggio dura circa due ore lungo l’autostrada A4.

In conclusione, il Parco del Valentino non è solo un luogo di svago, ma un viaggio attraverso la storia e la natura, un ponte tra passato e presente che continua a incantare e ispirare chiunque lo visiti.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.