Top

Un borgo nato da da quartiere militare per difendere un monastero vicino a Bolgona

L’Emilia-Romagna, una regione ricca di storia e cultura, è disseminata di borghi incantevoli che raccontano storie del passato. Tra questi, il borgo di La Scola, situato nel comune di Grizzana Morandi, località Vimignano, emerge come uno dei gioielli medievali meglio conservati dell’Appennino bolognese.

Questo articolo vi porterà alla scoperta di La Scola, un luogo dove il tempo sembra essersi fermato a molti secoli fa, permettendo ai visitatori di immergersi in un’atmosfera unica e ricca di storia.

La Storia di La Scola

L’Origine Longobarda

Il nome “La Scola” deriva dal termine longobardo “Sculca”, che significa posto di guardia o vedetta. Questa origine riflette l’importanza strategica del borgo fin dai tempi antichi. Già nel 200 d.C., vi erano segni di insediamenti, ma le prime testimonianze scritte risalgono alla fine del 1300.

Il Periodo di espansione

Tra il 1300 e il 1500, La Scola conobbe un periodo di significativo sviluppo. In questi secoli, il borgo si espandì e si trasformò, grazie soprattutto all’opera dei Maestri Comacini. Questi abili artigiani, provenienti dalle regioni di Milano e Como, erano noti per le loro competenze in architettura e costruzione. A La Scola, trasformarono vecchie torri in abitazioni civili, creando una fusione unica di elementi difensivi e residenziali.

La Scola come centro di difesa

Il borgo fu originariamente costruito dall’Esarcato, con lo scopo di fortificare i confini e resistere alle intrusioni dei Longobardi. La Scola fungeva quindi come un importante quartiere militare, proteggendo il vicino centro monastico di Montovolo, un luogo di grande rilevanza economica, commerciale e religiosa.

Architettura e urbanistica

L’architettura del borgo è caratterizzata da un insieme di torri e edifici fortificati, con collegamenti strategici, specialmente ai piani superiori. Questa struttura permetteva una difesa efficace in caso di assedi. Il borgo è diviso in “insulae urbane“, sette aggregati di dimensioni rispettabili, che dimostrano l’abilità architettonica dei Maestri Comacini.

Cosa Visitare a La Scola

  • Il Maestoso Cipresso: ammirate il cipresso secolare, alto 25 metri e vecchio di oltre 700 anni, un vero e proprio monumento naturale.
  • Le Case-Forti: visitate gli edifici che un tempo fungevano da abitazioni e posti di guardia.

Cosa Vedere nei Dintorni del Borgo di La Scola

  • Centro Monastico di Montovolo: un sito di grande importanza storica e religiosa, vicino al confine con i territori longobardi.
  • Paesaggi dell’Appennino: godetevi le passeggiate attraverso i paesaggi incantevoli dell’Appennino bolognese.

Come Arrivare a La Scola partendo da Bologna

La Scola si trova a circa 50 chilometri da Bologna. Per raggiungerla:

  1. Prendete l’autostrada A1 da Bologna in direzione nord.
  2. Uscite a Sasso Marconi e seguite le indicazioni per Grizzana Morandi.
  3. Proseguite sulla SP66 verso Grizzana Morandi e seguite le segnaletiche per La Scola.

Questo percorso offre un viaggio attraverso la bellezza naturale dell’Appennino, portandovi direttamente nel cuore di

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.