Il Castello di Padernello, una luogo bellissimo sito nella provincia di Brescia in Lombardia, è considerato uno degli esempi più importanti di architettura medievale fortificata del nord Italia. Oggi vogliamo raccontarvi in questo articolo una mini guida per tutti coloro che desideri esplorare questo castello, conoscendone storia, cosa vedere, curiosità e bellezze

Il Castello di Padernello regala uno scorcio di storia importante tra le tranquille campagne bresciane: con il suo fossato e il ponte levatoio perfettamente conservati, questo castello trasporta i visitatori ad immergersi in un’esperienza tutta da vivere , offrendo un’esperienza unica tra storia e bellezza.

La storia del Castello di Padernello

l Castello di Padernello, imponente maniero costruito nella pianura bresciana, racconta una storia lunga secoli, dall’epoca medievale fino ai giorni nostri. Originariamente edificato verso la fine del XIV secolo dalla famiglia Martinengo, una stirpe di bergamasca fedeltà alla Repubblica di Venezia, il castello ha attraversato diverse fasi storiche, cambiamenti di proprietà e importanti ristrutturazioni, mantenendo sempre il suo fascino e la sua imponenza.

La struttura del castello

Con una struttura circondata da un fossato, dotata di un funzionale ponte levatoio e rivellino, il castello emerge maestoso, offrendo uno spettacolo suggestivo con le sue 130 stanze distribuite su una superficie di 4.000 m². La sua costruzione, attribuita a Bernardino Martinengo, presenta una pianta quadrata con quattro torri angolari per la difesa, simbolo della potenza e dell’importanza strategica della famiglia nell’area.

Le origini della presenza dei Martinengo a Gabiano, l’antico nome del borgo di San Giacomo, si perdono nell’XI secolo, con la famiglia che vi rimarrà fino al 1834, quando i possedimenti passeranno alla famiglia Salvadego Molin Ugoni. Il maniero, inizialmente una casa-torre fortificata, si evolve nel tempo fino a diventare un castello vero e proprio, arricchendosi nel Quattrocento di mastio, merlature, e un’elegante porticato, testimoniando l’evoluzione architettonica e la crescita della famiglia.

All’interno, il castello nasconde veri tesori d’arte, come il loggiato cinquecentesco, il grande salone e i soffitti lignei a cassettoni decorati, che raccontano di un passato in cui lusso e potere si intrecciavano quotidianamente. Nel Settecento, il conte Gerolamo Silvio trasformerà il maniero in una villa signorile, introducendo elementi architettonici barocchi e una sala da ballo, testimoni di un epoca di splendore e raffinatezza.

Il decadimento del castello

Con l’estinzione della casata dei Martinengo di Padernello nel XIX secolo, il castello passerà attraverso diverse mani, finché nel 1961 l’ultimo conte, Filippo Molin Ugoni Salvadego, lo abbandonerà, condannandolo a un lungo periodo di degrado. Solo l’impegno dell'”Associazione Amici del Castello” negli anni Ottanta e i successivi restauri hanno impedito che questa magnifica testimonianza storica venisse perduta.

Oggi, il Castello di Padernello, grazie agli sforzi di conservazione e al riconoscimento dell’Istituto Italiano dei Castelli, si presenta come un gioiello di architettura medievale e rinascimentale, un luogo ricco di storia e bellezza, testimone silente delle vicende umane e politiche che hanno segnato il territorio bresciano.

Cosa visitare nel Castello

Il castello offre molteplici punti di interesse:

  • Il Ponte levatoio: uno degli accessi più emozionanti del Castello, testimonia l’originale funzione difensiva del castello.
  • Il fossato: ancora pieno d’acqua, il fossato circonda ancora oggi il castello, evocando immagini lette su libri o visti nei film.
  • Le sale interne: restaurate e aperte al pubblico, offrono una visione della vita quotidiana medievale e rinascimentale.
  • Le Mura e le Torri: regalano corsi che vi permetteranno di apprezzare l’architettura militare del periodo.

Cosa vedere nei dintorni del Castello

I dintorni del Castello di Padernello sono ricchi di attrattive:

  • La Riserva Naturale Torbiere del Sebino: un’oasi di biodiversità, perfetta per gli amanti della natura.
  • La Città di Brescia: con il suo ricco patrimonio storico e artistico, è una meta imperdibile a pochi chilometri di distanza.
  • Il Lago d’Iseo: offre paesaggi mozzafiato e pittoreschi borghi da esplorare.

Orari e biglietti del castello

  • Tariffe Intero (adulti) € 7,50
  • Ridotto (soci Fondazione, soci FAI, abitanti Borgo San Giacomo, da 13 a 25 anni) € 6,00
  • Ridotto (da 7 a 12 anni) € 4,00 Da 0 a 6 anni € 0,00
  • Possessori tessera abbonamento musei Lombardia / Valle d’Aosta € 0,00
  • Visita guidata solo mostra € 6,00

E’ necessario consultare il sito ufficiale per prenotare il proprio posto e controllare gli orari disponibili: posti disponibili limitati per fascia oraria.

Mappa del Castello

Come arrivare al castello in auto partendo da Milano

Da Milano, prendere l’autostrada A4 in direzione di Venezia e uscire a Rovato. Seguire le indicazioni per Soncino e, successivamente, per Padernello. Il viaggio dura circa un’ora e mezza, offrendo lungo il percorso scorci caratteristici della campagna lombarda.