Top

Un castello in Sicilia salvato dall’abbandono e un borgo ricostruito dopo il terremoto

Partanna, fondata nel cuore della Sicilia occidentale, è un borgo ricco di storia e cultura. Con il suo imponente castello e le stradine, Partanna offre un tuffo nel passato e un’atmosfera autenticamente siciliana.

Storia del Borgo di Partanna

Partanna, nel cuore di Trapani, vede l’occupazione umana risalire alla media età del Bronzo. I reperti, inclusi strumenti di vita quotidiana e capanne, sono testimonianza di una comunità antica, evidenziata oggi nel Museo Archeologico Regionale di Palermo e nel museo di preistoria di Partanna.

Tecnologie idrauliche antiche

La geografia di Partanna ha favorito lo sviluppo di tecniche avanzate per la gestione dell’acqua, essenziali per l’agricoltura. Scavi nella Contrada Stretto hanno scoperto imponenti fossati-cisterne usati per l’irrigazione, dimostrando l’ingegnosità degli antichi abitanti.

Impatti del Terremoto del 1968

Il terremoto del Belice del 1968 ha cambiato profondamente Partanna, causando gravi danni e la ricostruzione di parti del borgo. Questo evento ha stimolato una nuova fase di costruzione e restauro dei monumenti storici.

Centro Culturale

Inaugurato nel 2007, il Museo Regionale di Preistoria del Belice a Partanna non solo conserva il patrimonio archeologico, ma promuove anche la valorizzazione delle tradizioni culturali e naturali della regione, attirando studiosi e turisti interessati alla storia siciliana.

Cosa Vedere a Partanna

  • Castello Grifeo: Una fortezza medievale che offre una vista panoramica sulla valle del Belice.
  • Chiesa Madre di San Nicolò: Un edificio religioso che conserva opere d’arte e architettura sacra.
  • Museo Civico: Situato all’interno del castello, espone reperti archeologici e storici della regione.
  • Parco Archeologico di Stretto: Scavi che mostrano le tracce di insediamenti antichi nelle vicinanze del borgo.

Il Castello Grifeo

Il Castello di Partanna in Sicilia risale al Medioevo, ma evidenze suggeriscono attività insediative già in epoca preistorica. Documentato per la prima volta nel 1355, il castello originario potrebbe aver incluso una torre di guardia normanna. Divenuto punto strategico nella regione, il castello fu visitato nel 1374 dal re Federico III e trasformato in residenza principesca nel XVII secolo sotto Guglielmo I Grifeo, grazie a un titolo concesso da Filippo IV di Spagna.

Alla fine del XIX secolo, il barone Girolamo Adragna Vario acquistò il castello e intraprese significativi restauri per salvare l’edificio dall’abbandono. Nel corso del XX secolo, il castello divenne residenza della famiglia Adragna e ospitò temporaneamente il principe Umberto di Savoia durante la Seconda Guerra Mondiale.

Riconosciuto per il suo valore storico negli anni ’60, il castello fu acquistato dalla Regione Sicilia nel 1991 e trasformato in museo civico della preistoria sotto la gestione della Soprintendenza dei Beni Culturali ed Ambientali di Trapani, consolidando il suo ruolo culturale per la comunità e per la Sicilia.

Cosa visitare Vicino a Partanna

  • Selinunte: Uno dei più grandi siti archeologici in Europa, famoso per i suoi templi greci magnificamente conservati.
  • Marsala: Conosciuta per il suo vino e le bellezze naturali, inclusa la Riserva Naturale dello Stagnone.
  • Sciacca: Un incantevole città costiera con terme naturali e un vivace porto.
  • Erice: Un antico borgo medievale situato in cima a una montagna, famoso per le sue vedute e la sua storia.

Mappa di Partanna

Partanna si trova nella provincia di Trapani, immersa tra le colline della Sicilia occidentale. È facilmente accessibile tramite le principali strade che collegano il borgo alle città vicine e ai siti di interesse.

Curiosità su Partanna

Una delle curiosità più affascinanti di Partanna è la sua tradizione vinicola, particolarmente legata alla produzione di vini rossi robusti. Ogni anno, il borgo celebra questa tradizione con festival e degustazioni che attirano enoturisti da tutto il mondo.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.