Top

Un luogo dove contemplare il silenzio vicino Roma: un museo per un viaggio dell’anima

Nel cuore di Fara in Sabina, si nasconde una gemma culturale unica: il Museo del Silenzio, inaugurato nel 2004. Questo museo, che spicca per il suo approccio innovativo e per il linguaggio espositivo originale, offre ai visitatori un’esperienza immersiva nel mondo del monachesimo e nella pratica del silenzio, un principio fondamentale che ha caratterizzato la vita monastica fin dal 1673.

Il Museo del Silenzio a Fara Sabina

Il Museo del Silenzio è più di un semplice spazio espositivo; è un percorso di riflessione e introspezione. I visitatori sono invitati a entrare in quello che viene definito il “recinto sacro“, rappresentato dal monastero stesso. Qui, si inizia un viaggio tanto percettivo quanto conoscitivo, un’esperienza che coinvolge mente e cuore.

La dicotomia tra buio e luce, silenzio e parola, diventa una metafora potente per esplorare il mondo in una dimensione sia fisica sia metaforica.

Cosa visitare nel Museo del Silenzio

All’interno del museo, 21 teche custodiscono oggetti quotidiani, semplici e umili, che assumono un significato profondo quando vengono illuminati. Questi oggetti raccontano storie, evocano ricordi e riflessioni, diventando specchio di una memoria storica che si proietta nel presente. Ogni teca è dedicata a una delle sette tematiche chiave che hanno caratterizzato la vita quotidiana della prima comunità monastica:

  1. Preghiera: Il cuore spirituale della vita monastica, dove il silenzio si intreccia con la fede.
  2. Silenzio: Un elemento essenziale per la meditazione e la contemplazione interiore.
  3. Disciplina: Fondamentale per mantenere l’ordine e la pace all’interno della comunità.
  4. Cucito: L’arte di creare e mantenere gli abiti come espressione di semplicità e umiltà.
  5. Farmacia: La cura del corpo e dello spirito attraverso rimedi antichi e naturali.
  6. Cucina: Il luogo dove il nutrimento del corpo incontra quello dello spirito.
  7. Lavoro: Il lavoro manuale come forma di preghiera e dedizione.

Perché visitare il Museo del Silenzio

Il Museo del Silenzio a Fara in Sabina non è solo una destinazione per gli appassionati di storia e spiritualità, ma è anche un invito a rallentare, a riflettere sulla propria vita e sul mondo circostante in un modo più meditativo e ponderato. Questa esperienza unica è un must per chiunque visiti il Lazio, offrendo una prospettiva diversa sulla ricchezza culturale e spirituale della regione.

 

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.