Top
Calabria

Una chiesa antichissima in Calabria testimone di un fatto clamoroso

La Cattolica di Stilo è uno dei monumenti più significativi e affascinanti della Calabria. Situata nel piccolo borgo di Stilo, questa chiesa risalente al periodo bizantino incanta visitatori e studiosi per la sua architettura unica e per il suo profondo valore storico e spirituale raccontando non solo la storia ma anche il passaggio dal rito Bizantino al rito Latino. 

Storia della Cattolica di Stilo

La Cattolica di Stilo, costruita tra il IX e il X secolo durante il dominio bizantino della Calabria, serviva come chiesa madre per le cinque parrocchie di Stilo. Originariamente retta da un vicario perpetuo che seguiva la tradizione del protopapa bizantino, la chiesa ha ospitato sepolture significative, come dimostrato dai resti umani e oggetti di valore ritrovati al suo interno.

Documentazione storica e riconoscimenti

La storia della Cattolica rimase non documentata fino al XIX secolo quando il canonico Michelangelo Macrì ne attestò l’uso continuato. Heinrich Wilhelm Schulz fu il primo a descriverla dettagliatamente nel 1840.

Fasi di restauro e scoperte

Dal XVII secolo, la Cattolica ha visto vari interventi di restauro, inclusi quelli significativi di Paolo Orsi tra il 1912 e il 1927, e successivi lavori che hanno restaurato affreschi preziosi come il Cristo Pantocratore.
I restauri recenti tra il 2004 e il 2017 hanno ulteriormente consolidato la struttura e rivelato nuovi dettagli storici, come l’affresco della Dormitio Virginis datato 1552, che segna il passaggio dal rito bizantino al rito latino.

Significato culturale e continuità storica

La Cattolica di Stilo non solo testimonia la transizione culturale da influenze bizantine a tradizioni latine ma continua a rivelare importanti dettagli storici che arricchiscono la comprensione del suo passato e della storia regionale calabrese.
Con ogni campagna di restauro, il valore storico e artistico della Cattolica si approfondisce, mantenendo viva la memoria di un’epoca significativa nella storia della Calabria.

Cosa vedere nella Cattolica di Stilo

Al suo interno, la Cattolica di Stilo è suddivisa in quattro piccole cupole e una cupola centrale più grande.
I visitatori possono ammirare gli affreschi parietali, alcuni dei quali risalenti all’epoca della costruzione. Questi dipinti rappresentano scene bibliche e figure di santi, eseguiti con uno stile che evidenzia la profonda connessione religiosa e artistica con l’oriente cristiano. La disposizione delle cupole e la struttura interna offrono un esempio notevole di come lo spazio sacro veniva concepito in epoca bizantina.

Cosa visitare vicino alla Cattolica di Stilo

Il borgo di Stilo, dove si trova la Cattolica, merita una visita per il suo fascino medievale e per le altre attrazioni storiche che include.
Altri luoghi di interesse nelle vicinanze includono:

  • Il centro storico di Stilo, con i suoi vicoli stretti e panorami sulla vallata.
  • Il monastero di San Giovanni Theristis, un altro importante sito bizantino.
  • La costa ionica calabrese, facilmente raggiungibile per una giornata al mare.

Curiosità sulla Cattolica di Stilo

Una delle curiosità più interessanti riguarda le influenze artistiche e architettoniche che si riscontrano nella Cattolica, le quali mostrano chiari legami con le chiese ortodosse e bizantine dell’Asia Minore, evidenziando così l’intreccio di culture e tradizioni che ha caratterizzato la storia di questa regione.

Mappa Cattolica di Stilo

Come arrivare da Cosenza alla Cattolica di Stilo in auto

Per raggiungere la Cattolica di Stilo partendo da Cosenza, prendere l’autostrada A3 in direzione sud verso Reggio Calabria. Uscire a Rosarno e seguire le indicazioni per la SS 106 in direzione Taranto.
Proseguire sulla SS 106 fino all’uscita per Stilo. Il viaggio in auto dura circa due ore e mezza,

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.