Top

Viaggio nel museo più grande del mondo tra Leonardo e Rembrandt con oltre 2 milioni di opere

Il Museo Hermitage di San Pietroburgo è uno dei più grandi e antichi musei del mondo, una cattedrale dell’arte che custodisce alcune delle opere più significative della storia umana. La sua storia inizia con Caterina la Grande nel 1764 e da allora, il museo ha continuato a incantare visitatori da tutto il mondo con la sua straordinaria collezione.

Al suo interno sono esposte oltre 250 mila opere, tra cui lavori di Leonardo Da Vinci, Canova, Monet, Cézanne, ma l’intera collezione comprende oltre 2 milioni di opere ancora non esposte.

La storia del Museo Hermitage di San Pietroburgo

La storia dell’Hermitage inizia nel lontano 1764, quando Caterina la Grande, Imperatrice di Russia, decise di creare una piccola galleria privata all’interno del Palazzo d’Inverno. Con un desiderio insaziabile per l’arte, Caterina acquistò numerose opere d’arte europee, gettando le basi per quella che sarebbe diventata una delle più grandi collezioni al mondo. La sua visione non era solo quella di un’amante dell’arte, ma anche di una sovrana che intendeva dimostrare la grandezza e la cultura della Russia.

Espansione e Crescita

Nei secoli successivi, ogni zar contribuì all’ampliamento della collezione. Dai dipinti rinascimentali agli oggetti d’arte antica, l’Hermitage divenne un luogo dove il tempo e la geografia si fondevano in un’unica, straordinaria narrazione artistica. Durante il regno di Nicola I, il museo venne aperto al pubblico, segnando un momento storico nell’accesso alla cultura e all’arte.

Rivoluzione e Cambiamenti

Con la rivoluzione russa del 1917, l’Hermitage subì trasformazioni radicali. Gli Zar non c’erano più, ma il museo rimase, entrando in una nuova era come simbolo del patrimonio culturale per il popolo. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la collezione fu evacuata per proteggerla dai danni della guerra, testimoniando così la sua importanza e il valore che le persone attribuivano a queste opere d’arte.

Le Opere Più Importanti

All’interno delle maestose mura dell’Hermitage, si trova una collezione che copre l’intera storia dell’arte, dalle antichità classiche alle opere di artisti moderni. Tra le opere più celebri, spiccano i capolavori di Leonardo da Vinci, Rembrandt, e Van Gogh.  il “Ritorno del figliol prodigo” di Rembrandt, e “La Madonna Benois” di Leonardo da Vinci sono solo alcune delle gemme che adornano le sue sale.
Vediamole nel dettaglio

  • “Madonna Litta” di Leonardo da Vinci: un capolavoro che rappresenta la Vergine Maria che allatta il Bambino Gesù. È celebre per la delicatezza dei dettagli e per il calore emotivo che trasmette.
  • “Ritorno del figliol prodigo” di Rembrandt: un opera del tardo periodo di Rembrandt, raffigurante la parabola biblica del figlio prodigo, noto per la sua intensa espressione emotiva e uso maestoso della luce.
  • “La Madonna Benois” di Leonardo da Vinci: una delle due opere di Leonardo presenti all’Hermitage, questa rappresenta la Vergine con il Bambino. È rinomata per la sua composizione innovativa e l’uso delicato del colore.
  • “La camera dell’ambra”: Anche se non è un’opera d’arte nel senso tradizionale, questa stanza, ricoperta interamente di pannelli d’ambra, è una delle più famose attrazioni dell’Hermitage, nota per la sua storia intricata e il suo splendore unico.
  • “Kazanskaya” di Andrei Rublev: Un’icona sacra russa di eccezionale importanza, raffigurante la Madonna con il Bambino, esemplare dell’arte religiosa russa medievale.

Come Visitare il Museo

Visitare l’Hermitage è un’esperienza unica, ma richiede pianificazione: il museo è davvero immenso, con oltre tre milioni di opere d’arte, e si estende attraverso diversi edifici, tra cui il Palazzo d’Inverno, l’ex residenza degli zar russi. È consigliabile acquistare i biglietti online (costano circa 5 euro a persona) per evitare lunghe code e, per una visita completa, vi consigliamo di dedicare a questo luogo almeno due giorni di visita, per poter apprezzare pienamente le ricchezze esposte.
Di certo lo scontro in corso tra Ucraina e Russia non semplifica i viaggi a San Pietroburgo, ma visitarlo sarà una vera esperienza da ricordare per sempre.

Il museo è aperto dal martedì a domenica: dalle 10:30 alle 18:00 (mercoledì e venerdì fino alle 21:00) mentre il Lunedì rimane chiuso.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.