Roma, la città eterna, offre tantissimi luoghi da visitare: alcuni famosi altri meno e molto insoliti. Quali sono i posti insoliti da visitare a Roma? Quali segreti nasconde Roma e dove trovarli?

La porta Alchemica di villa Palombara

A Roma, in una villa dimenticata, sorge una porta misteriosa, una porta che nasconde un segreto…almeno così dice la leggeda.
Stiamo parlando della Porta Alchemica, chiamata anche Porta Ermetica o Porta dei Cieli (o Porta Magica): costruita tra il 1655 e il 1681 da Massimiliano Savelli Palombara marchese di Pietraforte, la port si trova villa Palombara (sul colle Esquilino) dove oggi troviamo piazza Vittorio Emanuele II.

In principio le porte a villa Palombara erano cinque ma solo questa è rimasta intatta

Sull’arco della Porta Alchemica è possibile ancora oggi vedere un”iscrizione che permette di data al 1680

La Leggenda della porta Alchemica

La leggenda di questa porta giunge sino a noi grazie a Francesco Girolamo Cancellieri e narra che un uomo, tale Stibeum che era un Pellegrino, fu ospite del conte nella villa. L’uomo, che potrebbe essere quasi sicuramente l’alchimista Francesco Giuseppe Borri, passò l’intera notte nel giardino della villa per trovare un’erba magica per produrre oro.
La mattina seguente l’alchimista sparì dietro questa porta magica e, alle sue spalle, fece cadere per sbaglio alcune foglie d’oro realizzate grazie alla famigerata trasmutazione alchemica.
Oltre all’oro a Francesco Giuseppe Borri cadde anche una misteriosa pergamena con enigmi e simboli magici: secondo la leggenda quei simboli avrebbero nascosto il segreto della pietra filosofale.

Dopo aver tentato invano di decifrare quei simboli, il marchese fece incidere l’intero contenuto della pergamena sulle cinque porte di villa Palombara e sui muri della villa, augurandosi che qualcuno potesse decifrare il segreto.