Immaginate un castello che ha ispirato la magnificenza di Versailles, un luogo dove storia, arte e architettura si fondono creando un’atmosfera magica. Questo è Vaux le Vicomte, un gioiello del barocco francese che attende di essere scoperto.

Storia del borgo di Vaux le Vicomte

Nel 1641, Nicolas Fouquet, all’epoca membro del Parlamento, acquistò una proprietà situata alla confluenza di due fiumi, caratterizzata dalla presenza di un piccolo castello. La sua decisione fu influenzata dalla posizione strategica della tenuta, situata a metà strada tra le residenze reali di Vincennes e Fontainebleau, ideale per il centro direzionale delle sue ambizioni politiche. Progettava di sviluppare il sito in un complesso che comprendesse sia un castello sia una fattoria.

La ristrutturazione del castello

Nel 1656, divenuto ministro delle finanze di Luigi XIV, Fouquet iniziò l’ambiziosa ristrutturazione del castello con l’aiuto di Le Vau, Le Brun e Le Nôtre. L’opera, che prevedeva la demolizione delle preesistenze e la costruzione di un nuovo edificio in pietra bianca di Créil, fu completata nel 1657. L’anno successivo, iniziò la decorazione degli interni.

Innaugurazione del castello nel 1661

Il 17 agosto 1661, il castello ospitò una sontuosa celebrazione in onore di Luigi XIV, segnata da una lussuosa cena e uno spettacolo pirotecnico, con ospiti del calibro di La Fontaine e Molière. Tuttavia, la caduta in disgrazia di Fouquet avvenne solo poche settimane dopo, il 5 settembre, quando fu arrestato su incitamento di Colbert per presunte accuse di corruzione, legate forse all’invidia del re per la magnificenza del castello.

Con la confisca del castello e l’esilio della famiglia di Fouquet, Luigi XIV affidò la ristrutturazione di Versailles agli artisti precedentemente impegnati a Vaux-le-Vicomte. Dopo vari passaggi di proprietà, nel 1875 Alfred Sommier acquistò il castello all’asta, avviando un’intensa campagna di restauro.

Attualmente, Vaux-le-Vicomte è un monumento storico nazionale aperto al pubblico e gestito dai discendenti di Sommier, la famiglia de Vogüé, che ne conserva l’eredità culturale e storica.

Cosa visitare a Vaux le Vicomte

  • Il Castello: un capolavoro dell’architettura barocca francese con interni lussuosamente arredati.
  • I Giardini all’Italiana: vasti e simmetrici, progettati da André Le Nôtre, offrono una passeggiata tra fontane e parterre geometrici.
  • Le Carrozze d’Epoca: una collezione che mostra l’evoluzione dei mezzi di trasporto d’elite.
  • Esposizioni Temporanee: Vaux le Vicomte ospita mostre che variano annualmente, arricchendo l’esperienza culturale dei visitatori.

Cosa vedere nei dintorni di Vaux le Vicomte

  • Foresta di Fontainebleau: per gli amanti delle passeggiate nella natura.
  • Barbizon: il villaggio degli impressionisti, pieno di charme.
  • Provins: cittadina medievale patrimonio dell’UNESCO.
  • Melun: per una scoperta della gastronomia locale.

Mappa di Vaux le Vicomte

Curiosità su Vaux le Vicomte

La festa organizzata da Fouquet per inaugurare il castello fu così sfarzosa da rendere geloso Luigi XIV, contribuendo alla sua rovina. Questo evento segnò l’inizio della costruzione di Versailles, poiché il re desiderava superare la magnificenza di Vaux le Vicomte.