Top
Francia

Un borgo completamento rosso e inserito nella lista dei borghi più belli di Francia

Collonges-la-Rouge, borgo bellissimo nel cuore della Francia, regala scorci fantastici grazie alle sue case in pietra rossa che gli conferiscono un fascino unico. Sito nella regione della Nuova Aquitania, questo borgo è riconosciuto come uno dei “Les Plus Beaux Villages de France” (I più bei villaggi di Francia). Oggi vi guideremo alla scoperta di Collonges-la-Rouge, offrendovi spunti su cosa vedere, cosa fare nei dintorni e consigli per visitarlo con la famiglia.

Storia del Borgo

Nel 782, il conte Roger de Limoges donò terreni ai monaci di Charroux in Poitou, fondando un priorato. Questo divenne parte della Vicomté de Turenne nel 844, attirando contadini, artigiani e mercanti, grazie anche alla sua posizione lungo il cammino per Compostela. Nel 1308, il villaggio ottenne una concessione dal visconte di Turenne che ampliò la sua giurisdizione, stimolando lo sviluppo professionale e l’espansione urbana. La produzione di vino contribuì alla sua economia, rifornendo mercati locali e corti papali.

Le guerre di religione

Durante le guerre di religione, Collonges gestì le tensioni permettendo pratiche di culto miste. La pace portò prosperità e la costruzione di dimore signorili con caratteristiche architettoniche distintive. Tuttavia, la vendita della viscontea alla corona nel 1738 e i successivi eventi storici, inclusa la fillossera del 1880 e l’esodo rurale, portarono al declino della popolazione.

Dal declino a centro turistico

Per contrastare questo declino, nel 1905 iniziarono gli sforzi di conservazione, culminati con la fondazione de “La Société des Amis de Collonges” nel 1927, che promosse la valorizzazione del patrimonio. Nel 1969, l’iniziativa del sindaco Charles Ceyrac trasformò il villaggio in Collonges-la-Rouge, un centro turistico con restrizioni veicolari e miglioramenti infrastrutturali. Nonostante la protezione come sito classificato dal 1996, il fenomeno della gentrificazione ha cambiato la composizione sociale, spostando gli abitanti storici verso le periferie.

Cosa vedere nel borgo di Collonges-la-Rouge

Ma cosa merita di essere visto e vissuto tra le antiche strade del borgo, ecco alcuni punti d’interesse da non perdere

  • La Chiesa di Saint-Pierre: Un magnifico esempio di architettura romanica, famosa per i suoi capitelli scolpiti e la cripta.
  • Le Case Nobiliari: Le dimore storiche, con i loro distintivi tetti di ardesia e facciate in pietra rossa, offrono uno spaccato unico sulla vita medievale.
  • La Halle: Antica market hall dove ancora oggi si tengono mercati e eventi culturali.
  • Le Torri Fortificate: Simboli della potenza e della ricchezza delle famiglie nobiliari che un tempo governavano il borgo.
  • Il Cammino dei Castagni: Un sentiero che si snoda attraverso il paesaggio circostante, perfetto per una passeggiata in famiglia.

Cosa visitare nei dintorni

Visitare il borgo di Collonges-la-Rouge vi permetterà di vivere anche tante altre esperienze nei dintorni, vediamo insieme quali sono

  • Les Jardins de Colette: Un vasto giardino tematico dedicato alla scrittrice francese Colette, ideale per una gita in famiglia.
  • Turenne: Un altro dei “più bei villaggi di Francia”, situato a breve distanza e noto per il suo castello.
  • La Valle della Dordogna: Con i suoi paesaggi mozzafiato, castelli e grotte preistoriche, offre numerose opportunità di esplorazione.

Cosa fare nel borgo con i bambini

Ma come si può vivere una visita con i bambini nel borgo di Collonges-la-Rouge? Ecco qualche idea

  1. Passeggiata nel villaggio: Iniziate con una passeggiata tranquilla attraverso le stradine di Collonges-la-Rouge. I bambini saranno affascinati dalle case fatte di pietra rossa e dai tetti spioventi. Le vie pedonali rendono la passeggiata sicura e piacevole per le famiglie.
  2. Scoprire le torri e i castelli: Il villaggio è noto per le sue torri e castelli medievali. Spiegare ai bambini la storia di queste costruzioni può essere un modo divertente per farli interessare all’architettura e alla storia.
  3. Laboratori artigianali: Durante i mesi estivi, alcuni artigiani locali offrono workshop dove grandi e piccini possono imparare a creare oggetti tradizionali, un’esperienza manuale che può essere sia educativa che divertente.
  4. Picnic nelle Aree Verdi: Portate un picnic da gustare in una delle aree verdi del villaggio o nei suoi dintorni. Ci sono spazi ideali per un pranzo all’aperto dove i bambini possono giocare e correre liberamente.
  5. Caccia al tesoro: Organizzare una caccia al tesoro attraverso il villaggio può essere un modo divertente per esplorarlo. Preparate indizi basati sulla storia e sui monumenti del luogo per rendere l’esperienza educativa e avvincente.
  6. Gelato e dolci locali: Non dimenticate di concedervi una pausa gustando il gelato o altri dolci locali. Troverete sicuramente pasticcerie e gelaterie che offrono delizie per tutti i gusti.

Mappa del borgo

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.