Top
Francia

Un borgo in Francia legato ai cavalieri Templari: benvenuti a Grignan

Situato nella regione dell’Alvernia-Rodano-Alpi, il bellissimo borgo di Grignan è una vera perla francese: questo borgo di origine medievale vanta un bellissimo castello che risale al 1100, e prende il nome proprio dai suoi proprietari. Vediamo insieme cosa ammirare a Grignan.

Storia di Grignan

La storia di Grignan inizia con la sua prima menzione documentata nel 1105, un’epoca in cui l’Europa era in pieno fermento culturale e politico. Questo borgo, situato nel cuore della Francia, è famoso soprattutto per il suo imponente castello, che ha avuto un ruolo significativo nella storia della regione.

Il dominio dei signori di Grignan

Tra il 1138 e il 1180, le cronache riportano i primi signori di Grignan, i Granetto-Granet, che dominavano la scena dal loro maestoso castello. Personaggi quali Odo Granetto-Granet e suo fratello Maljox, insieme ai nipoti Odo (un templare) e Guigo, sono citati nei documenti dell’epoca, rivelando l’importanza della famiglia nel tessuto sociale e politico del territorio. È nel 1180 che Guglielmo Granetto e Petrus Granetto fanno una donazione ai cavalieri Templari, confermando l’intreccio tra la storia del castello e quella dell’Ordine.

Il castello cambia faccia

La trasformazione più significativa del castello avviene nel XVI secolo, quando viene convertito in quello che viene riconosciuto come il più grande e prestigioso castello rinascimentale di Francia. Questa metamorfosi non solo ne cambia l’aspetto ma ne altera anche la funzione, trasformandolo da fortezza a palazzo signorile.

Il castello come centro di vita letteraria e intellettuale

La storia del castello e di Grignan è ulteriormente arricchita nel 1669, quando François de Castellane Adhémar, discendente dei primi signori di Grignan, sposa la figlia della celebre scrittrice Madame de Sévigné. Questo matrimonio segna l’inizio di un’era di splendore culturale, durante la quale il castello diventa un centro di vita letteraria e intellettuale.

Oggi, il castello di Grignan è di proprietà del Consiglio Generale della Drôme e rappresenta una testimonianza vivente della ricca storia della regione

Cosa vedere a Grignan

    • Castello di Grignan: dal XVI secolo è il castello rinascimentale più grande della Francia e ha ospitato importanti personaggi illustri francesi come Madame de Sévigné. Qui si tengono anche importanti spettacoli teatrali.
    • Collegiata Saint Saveur: Fu costruita a metà del XVI secolo ed eretta a collegiata da Papa Paolo III. Si trova lungo la fiancata di roccia che costeggia il castello di Grignan.
    • Museo Départemental de Grignan: il museo ha sede all’interno del Castello. Al suo interno troviamo dipinti, opere d’arte decorativa e mobili dal XVI al XX secolo, francesi e italiani.
    • Lavatoio di Grignan: edificio di interesse storico, è stato realizzato in stile neoclassico, e ricorda il Tempio dell’Amore di Versailles.

Cosa visitare nei dintorni di Grignan

  • Valence: questa famosa cittadina del dipartimento della Drome ospita importanti monumenti come la Cattedrale di Sant’Apollinare. 
  • Mont Ventoux: il celebre gruppo montuoso della Provenza è perfetto per chi ama la natura ed è alla ricerca di un luogo dove svolgere escursioni a piedi, in bici o a cavallo!
  • Avignone: considerata la capitale della Provenza, la città di Avignone ha avuto un ruolo centrale nella storia francese in epoca medievale, come testimonia il celebre Palazzo dei Papi.

Mappa di Grignan

Come arrivare a Grignan da Avignone

Da Avignone a Grignan impiegate circa un’ora e dieci in auto percorrendo la A7. In treno il tragitto è di un paio d’ore.

Curiosità su Grignan

Si trova qui la tomba di Madame de Sévigné: la celebre scrittrice francese venne qui per stare accanto alla figlia malata, ma contrasse una polmonite e morì. La tomba si trova all’interno della collegiata Saint Saveur.

Giovanna Caletti Con un'anima inquieta e una passione innata per l'avventura, Giovanna Caletti è un'autentica esperta di viaggi e un'affermata autrice, i cui consigli hanno ispirato innumerevoli famiglie a esplorare il mondo insieme. Giovanna si è dedicata a condividere itinerari unici e destinazioni affascinanti attraverso i suoi articoli per PiccoliEsploratori.com. Le sue parole trasmettono un senso di meraviglia e scoperta che cattura l'immaginazione dei lettori di tutte le età. Attraverso le sue avventure, Giovanna incarna l'idea che i viaggi non sono solo spostamenti fisici, ma esperienze che arricchiscono la mente e il cuore.