Top
Francia

Un borgo in Francia talmente bello da diventare un gioco: qui vive una leggenda surreale

Nel sud della Francia, avvolta da paesaggi di vigneti che si estendono fino all’orizzonte, sorge Carcassonne, una delle città fortificate più affascinanti d’Europa. Con le sue torri merlate, le doppie mura e le strade acciottolate, Carcassonne sembra uscita direttamente da un racconto medievale, offrendo ai visitatori un tuffo indietro nel tempo, in un’epoca di cavalieri e leggende.

La storia di Carcassone

La storia di Carcassonne, affascinante città francese, si intreccia strettamente con la sua città vecchia e la bastide creata nel 1247 per volere di Luigi IX. La regione vanta resti di cinque castelli medievali a sud, noti come i “cinque figli di Carcassonne”.

Dal Neolitico a Plinio il Vecchio

La presenza umana a Carcassonne risale al Neolitico, con il sito originario situato sull’altopiano di Carsac. Nel VI secolo a.C., la popolazione si spostò sullo sperone roccioso che oggi domina la città, fondando un oppidum che prosperò grazie al commercio con Etruschi, Greci e Cartaginesi. Carcassonne divenne un importante insediamento commerciale e agricolo già citato da Plinio il Vecchio come Carcasum. Passata sotto il dominio romano nel 118 a.C., la città si sviluppò ulteriormente durante l’epoca gallo-romana.

Arrivano i Visigoti

Nel V secolo, i Visigoti si insediarono nella regione, seguiti dalla conquista dei Franchi nel 507. La diocesi di Carcassonne fu fondata nel 533, e nel 711 i musulmani conquistarono brevemente la città, ribattezzandola Qarqshuna. Tuttavia, Pipino il Breve la riconquistò nel 759, segnando l’inizio di un periodo di incursioni fino all’arrivo di Carlo Magno.

La leggenda di Dama Carcas narra come, durante l’assedio di Carlo Magno nel IX secolo, la vedova del re saraceno difese astutamente la città, portando infine all’origine del nome “Carcassonne”.

Carcassonne nel Medioevo

Nel Medioevo, Carcassonne divenne un importante centro cataro, finché non fu Carcassonne a causa delle sue presunte eresie. La città cadde nelle mani di Simone IV di Montfort, per poi essere donata al re di Francia. La costruzione della bastide Saint-Louis sotto Luigi IX segnò un’importante espansione urbana.

Durante il XIV secolo, Carcassonne emerse come un significativo centro di produzione tessile, ma fu colpita da epidemie di peste e devastata da Edoardo il Principe Nero nel 1355. Nonostante questi colpi, la città continuò a prosperare, mantenendo un ruolo militare cruciale fino alla pace dei Pirenei nel 1659.

Le guerre di religione del XVI secolo videro la divisione tra la città alta, cattolica, e la città bassa, protestante. L’industria tessile di Carcassonne declinò gradualmente a causa di vari fattori, tra cui la Rivoluzione francese, e fu infine soppiantata dalla viticoltura.

In sintesi, la storia di Carcassonne è un ricco tessuto di eventi che riflettono le dinamiche politiche, culturali e sociali della Francia e dell’Europa nel corso dei secoli.

Cosa fare e cosa vedere a Carcassone

  • La Cité Medievale: Entrare nella Cité attraverso la Porta Narbonnaise è come varcare la soglia di un altro tempo. Al suo interno, le strette vie medievali, le botteghe artigiane e i piccoli caffè creano un’atmosfera unica. Non perdete la Basilica di Saints Nazarius and Celsus, con i suoi splendidi vetri colorati, e la maestosa Porta d’Aude.
  • Le Mura di Carcassonne: La passeggiata lungo le mura della città offre viste panoramiche mozzafiato sulla valle sottostante e sui Pirenei in lontananza. Le mura, con le loro 52 torri, raccontano storie di assedi e battaglie che hanno forgiato la storia di Carcassonne.
  • Il Castello Comtal: Questo castello all’interno della Cité è un capolavoro dell’architettura militare medievale. Una visita guidata rivela la sua storia e offre accesso a torri e passaggi segreti.
  • La Bastide Saint-Louis: Al di fuori delle mura della Cité si trova la Bastide Saint-Louis, o città bassa, che risale al XIII secolo. Con i suoi mercati colorati, musei, e la bella Place Carnot, la Bastide offre un contrasto affascinante con la parte più antica della città.

Curiosità su Carcassone

Sette curiosità in che pochi sanno ma che pensiamo siano favolose:

  • Patrimonio dell’UNESCO: Dal 1997, la città fortificata di Carcassonne è stata dichiarata Patrimonio Mondiale dell’UNESCO. Questo riconoscimento sottolinea l’importanza storica e architettonica della città, in particolare per il suo eccezionale esempio di città medievale fortificata.
  • Restauro di Viollet-le-Duc: Nel XIX secolo, l’architetto Eugène Viollet-le-Duc fu incaricato di restaurare Carcassonne, che era in stato di degrado. I suoi interventi, pur essendo stati oggetto di critiche per la mancanza di fedeltà storica in alcune scelte, hanno contribuito a preservare e a valorizzare la città, rendendola l’attrazione che conosciamo oggi.
  • Dama Carcas e leggenda del maiale: Una delle leggende più famose legate a Carcassonne è quella di Dama Carcas, una donna che, secondo il racconto, utilizzò un ingegnoso stratagemma per salvare la città dall’assedio di Carlo Magno. Dopo aver lanciato un maiale sazio dalle mura per far credere agli assedianti che la città avesse ancora abbondanti risorse, riuscì a far ritirare le truppe nemiche. Si dice che il nome “Carcassonne” derivi dal suono delle trombe che Dama Carcas fece suonare in segno di vittoria (“Carcas sonne”).
  • La Città e la Bastide: Carcassonne è composta da due parti principali: la città medievale fortificata, situata su una collina, e la Bastide Saint-Louis, o città bassa, che si estende sul piano. Entrambe offrono un affascinante viaggio nel tempo con le loro architetture storiche.
  • Set Cinematografico: Carcassonne ha fatto da sfondo a numerosi film e produzioni televisive, grazie al suo aspetto medievale autentico e ben conservato. Questa caratteristica l’ha resa una location ideale per storie ambientate nel Medioevo.
  • Festival di Carcassonne: Ogni estate, la città ospita il Festival di Carcassonne, uno dei più grandi eventi culturali della Francia, che propone concerti, rappresentazioni teatrali, opere liriche e balletti. Gli spettacoli si tengono in vari luoghi storici della città, tra cui il teatro all’aperto del castello medievale.
  • Il Gioco da Tavolo: Carcassonne è anche famosa nel mondo dei giochi da tavolo per aver ispirato un popolare gioco omonimo. Lanciato nel 2000, il gioco Carcassonne ha vinto numerosi premi internazionali e ha introdotto la città e la sua storia a milioni di giocatori in tutto il mondo.

Cosa mangiare a Carcassone

La cucina di Carcassonne riflette la ricchezza del terroir del Languedoc. Non partite senza aver assaggiato il Cassoulet, un piatto robusto a base di fagioli, salsiccia e anatra, che incarna lo spirito della regione. I mercati locali sono il luogo ideale per scoprire formaggi, vini e prodotti del territorio, che rendono la gastronomia di Carcassonne un altro dei suoi tesori.

Cosa fare con i Bambini a Carcassone

Carcassonne è una destinazione meravigliosa anche per le famiglie. Le ricostruzioni storiche, le visite guidate in costume e i laboratori tematici trasformano l’apprendimento della storia in un’avventura. Le crociere sul Canal du Midi, che collega l’Atlantico al Mediterraneo, offrono inoltre un modo rilassante per ammirare il paesaggio circostante.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.