Top
Slovenia

Il borgo dove Spartaco guidò i gladiatori e dove San Pietro lasciò un segno indelebile

Santa Maria Capua Vetere nella nella bellissima Campania, luogo ricco di storia, cultura e bellezza, rappresenta una delle mete più affascinanti per chiunque desideri immergersi nell’antichità e nell’arte. In questo articolo, esploreremo insieme tutto ciò che c’è da sapere su questa perla del sud Italia.

Storia di Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere, con un passato che si intreccia con l’antica Capua, ha visto la luce da insediamenti risalenti alla cultura villanoviana, evolvendosi poi in una città di rilevanza durante l’epoca osca ed etrusca. La sua distruzione ad opera dei Saraceni nell‘841 segnò un periodo buio, seguito però da una rinascita intorno al XII secolo, incentrata su tre basiliche cristiane che hanno dato impulso alla comunità.

Dai gladiatori a San Pietro

Importanti scoperte archeologiche hanno rivelato l’ampiezza di Capua antica e la sua storia, inclusa la famosa rivolta dei gladiatori guidata da Spartaco. Inoltre, la tradizione cristiana ricorda la figura di San Pietro che, passando da Capua, vi lasciò un segno indelebile consacrando Prisco come vescovo.

(foto via Tripadvisor)

Nel corso dei secoli, la città ha subito trasformazioni significative, soprattutto dopo la sua distruzione nell’841 e la successiva rinascita sotto i Longobardi. Divenuta comune autonomo nel 1806, ha conosciuto uno sviluppo notevole durante il periodo angioino, proseguendo con un’evoluzione architettonica e culturale che ha portato alla costruzione di infrastrutture emblematiche in stile Liberty.

Il XX secolo ha segnato una transizione verso un’economia post-industriale, con momenti difficili durante la seconda guerra mondiale, ma anche una progressiva ricostruzione. La visita di Papa Giovanni Paolo II nel 1992 ha enfatizzato il ruolo spirituale della città.

Cosa visitare a Santa Maria Capua Vetere

  • Anfiteatro Campano: uno dei più grandi anfiteatri romani esistenti, noto per essere stato il luogo dove Spartaco iniziò la sua rivolta.
  • Museo Archeologico dell’Antica Capua: ospita reperti che raccontano la storia millenaria della città, dall’età etrusca fino al periodo medievale.
  • Mitreo: un raro esempio di tempio dedicato al culto di Mitra, divinità persiana poi adottata dai romani.
  • Chiesa dei Santi Rufo e Carponio: esempio di architettura religiosa medievale, con affascinanti elementi artistici interni.
  • Il Ponte Romano: antico ponte che attraversava il fiume Volturno, testimone della maestria ingegneristica romana.

(foto via Google Maps)61

Cosa vedere nei dintorni di Santa Maria Capua Vetere

  • Reggia di Caserta: conosciuta come la “Versailles italiana”, è un capolavoro del barocco italiano e patrimonio UNESCO.
  • Capua: antica città con un ricco patrimonio storico e culturale, offre un interessante museo diocesano.
  • Monte Tifata: area naturale protetta che offre sentieri per escursioni e una vista mozzafiato sulla pianura campana.
  • Volturno River Park: ideale per gli amanti della natura, offre percorsi per ciclisti e pedoni lungo il fiume.

Mappa di Santa Maria Capua Vetere

Come arrivare a Santa Maria Capua Vetere in auto da Napoli

Per raggiungere Santa Maria Capua Vetere in auto da Napoli, si può prendere l’Autostrada A1 in direzione nord verso Roma. Dopo circa 20 minuti di viaggio, si prende l’uscita per Santa Maria Capua Vetere. Il percorso è ben segnalato e permette di raggiungere la città in meno di un’ora, a seconda del traffico.

Curiosità su Santa Maria Capua Vetere

Santa Maria Capua Vetere non è solo storia e antichità; è anche luogo di leggende e curiosità affascinanti. Una di queste riguarda il famoso detto “panem et circenses” (pane e giochi circensi), che trova origine proprio nell’antica Capua, dove gli spettacoli gladiatori e le corse dei carri erano particolarmente amati dalla popolazione. Un’altra curiosità è legata alla presenza di sotterranei e cunicoli che si snodano nel sottosuolo della città, testimonianza di un passato ricco di misteri ancora oggi oggetto di studio e fascinazione.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.