Top
Trentino Alto Adige

Il borgo nella Val di Non dove trovare non solo un castello fantastico ma anche delle mele strepitose

Vigo di Ton, incastonato nella valle di Non in Trentino-Alto Adige, è un gioiello di tranquillità e bellezza paesaggistica. Questo piccolo borgo, circondato da rigogliosi meleti e affacciato sulle Dolomiti di Brenta, rappresenta una tappa imperdibile per chi cerca un’esperienza lontano dal turismo di massa e dal caos.

Storia del Borgo di Vigo di Ton

La chiesa parrocchiale dell’Assunta, fulcro della comunità locale, testimonia le radici profonde di questo piccolo comune. Già menzionata in documenti risalenti al 1242, la struttura originale della chiesa predatesse sicuramente questa data, indicando la presenza di una tradizione religiosa e comunitaria antica.

Stile gotico e poi l’ampliamento della chiesa

Nel 1549, l’edificio subì un’importante ristrutturazione guidata dal maestro Aluixo de Frisono Taiapreda, che reintrodusse lo stile gotico, evidente nelle tre campate interne e nelle raffinate finestre a traforo che illuminano la navata e il presbiterio. Successivamente, nel 1719, l’architetto comacino Bernardo Tacchi fu incaricato di ampliare la chiesa, conferendole un singolare aspetto tardo-barocco che ancora oggi caratterizza l’edificio.

Un campanile più alto

Durante il 1728, il campanile della chiesa fu sopraelevato, completando l’aspetto attuale dell’edificio. All’interno della chiesa si trova una pala d’altare di notevole valore artistico, commissionata dalla famiglia Marcolla nel 1766 e realizzata da Francesco Guardi. Quest’opera rappresenta la Madonna col Bambino e Santi, ed è uno degli esempi più significativi dell’arte sacra nella regione.

(foto via Google Maps)

Il contributo di Gian Antonio Guardi

Interessante è anche il contributo di Gian Antonio Guardi, che decorò la sagrestia con deliziose lunette e spicchi di lunetta, aggiungendo un tocco di grazia e bellezza al luogo sacro. Francesco Guardi, noto per i suoi soggiorni a Ton lontano dal trambusto lavorativo veneziano, era legato al borgo anche attraverso legami familiari, essendo nipote di don Pietro Antonio Guardi, che fu parroco-arciprete della Pieve di Tono per 42 anni, dal 1712 al 1754.

Cosa vedere a Vigo di Ton

  • Castello di Thun: uno dei castelli meglio conservati della regione, un tempo residenza della potente famiglia Thun.
  • Chiesa di San Vito: risalente al XIII secolo, conserva affreschi di notevole interesse storico e artistico.
  • Museo Retico: ospitato all’interno del Castello di Thun, offre una visione approfondita sulla cultura retica e sulla storia della valle di Non.
  • Orto Botanico: situato nei pressi del castello, dove si possono scoprire le specie vegetali tipiche della regione.

(foto via Google Maps)

Cosa visitare nei dintorni di Vigo di Ton

  • Val di Non: nota per i suoi estesi frutteti, in particolare meleti, e per le passeggiate panoramiche.
  • Lago di Tovel: famoso per le sue acque cristalline e per il fenomeno dell’arrossamento stagionale.
  • Canyon del Rio Sass: percorso di trekking che offre spettacolari viste sulle formazioni rocciose e cascate.
  • Santuario di San Romedio: uno dei più suggestivi luoghi di pellegrinaggio del Trentino, raggiungibile tramite un sentiero immerso nella natura.

Curiosità di Vigo di Ton

Una delle curiosità più affascinanti di Vigo di Ton è legata al Castello di Thun, che appare in numerose leggende locali. Inoltre, il borgo è noto per la sua produzione di mele Melinda, una varietà di mela IGP che trova nelle condizioni climatiche e nel terreno della valle di Non l’ambiente ideale per crescere.

Mappa di Vigo di Ton

Come arrivare a Vigo di Ton Partendo da Trento in Auto

Partendo da Trento, il tragitto in auto verso Vigo di Ton è semplice e panoramico. Prendere la SS43 della Val di Non e proseguire per circa 40 minuti. Seguire le indicazioni per Vigo di Ton, passando attraverso paesaggi rurali e vista sulle montagne. Il viaggio offre anche l’opportunità di ammirare il Castello di Thun, visibile dalla strada principale poco prima di raggiungere il borgo.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.