Top
Campania

Il borgo stupendo in Costiera Amalfitana che ospitò Richard Wagner

Ravello è un vero e proprio gioiello sulla Costiera Amalfitana, è una delle mete più affascinanti e ricche di storia del sud Italia. Questo borgo, sospeso tra cielo e mare, offre viste mozzafiato, architetture medievali, giardini lussureggianti e una profonda atmosfera di tranquillità e bellezza.

Storia del borgo di Ravello

Ravello, fondata nel V secolo per sfuggire alle incursioni barbariche post-caduta dell’Impero Romano, si pensa fosse frequentata già in epoca classica. Nata dalla migrazione di patrizi amalfitani o, secondo un’altra tradizione, da nobili romani naufragati verso Costantinopoli, la sua storia si intreccia con quella della Repubblica Marinara di Amalfi dall’839, crescendo in importanza grazie al commercio mediterraneo.

Il dominio Normanno

Durante il dominio normanno, Ravello ottenne una maggiore autonomia, evidenziata dalla creazione di una sede vescovile nel 1086. Tuttavia, dal XIII secolo iniziò una crisi dovuta a guerre e lotte interne, che portò molte famiglie nobili a trasferirsi. Malgrado ciò, nel 1583, i nobili ravellesi contribuirono al riscatto del feudo amalfitano, segnando la fine del dominio feudale.

La rinascita turistica di Ravello

Nel XIX secolo, l’apertura della strada costiera e le politiche borboniche favorirono la rinascita turistica di Ravello, attrattiva per la sua bellezza naturale e culturale. La cittadina divenne rifugio per artisti e intellettuali, tra cui Richard Wagner, e ospitò re Vittorio Emanuele III durante la seconda guerra mondiale.

Cosa visitare a Ravello

  • Villa Rufolo: con i suoi giardini panoramici e l’architettura moresca, è stata fonte d’ispirazione per artisti e musicisti.
  • Villa Cimbrone: nota per il suo “Terrazzo dell’Infinito”, offre una delle viste più spettacolari sulla Costiera Amalfitana.
  • Duomo di Ravello: dedicato a San Pantaleone, custodisce preziose opere d’arte.
  • Auditorium Oscar Niemeyer: un capolavoro di architettura moderna che ospita eventi culturali e concerti.

Cosa vedere nei Dintorni di Ravello

  • Amalfi: con la sua famosa cattedrale e il centro storico labirintico.
  • Positano: un incantevole villaggio noto per le sue case color pastello che si affacciano sul mare.
  • Grotta dello Smeraldo: una meraviglia naturale accessibile via mare o tramite ascensore dalla Strada Statale Amalfitana.
  • Sentiero degli Dei: un percorso escursionistico che offre viste mozzafiato sulla Costiera.

Mappa di Ravello

Come arrivare a Ravello in auto da Salerno

Da Salerno, prendere la Strada Statale 163 in direzione Amalfi. Superata Amalfi, seguire le indicazioni per Ravello. Il viaggio dura circa 45 minuti, attraversando alcuni dei paesaggi più suggestivi della Costiera Amalfitana.

Curiosità su Ravello

Ravello è nota per il suo Festival di Ravello, un evento che ogni anno attira amanti della musica classica da tutto il mondo, ispirato dalla visita di Richard Wagner nel 1880, che rimase incantato dalla bellezza di Villa Rufolo. Inoltre, il borgo è stato fonte d’ispirazione per numerosi scrittori e artisti, tra cui Virginia Woolf e M.C. Escher, che hanno soggiornato qui, catturati dalla sua atmosfera unica e dai suoi paesaggi da sogno.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.