Top
Toscana

In provincia di Arezzo uno dei borghi più belli d’Italia nato in epoca etrusca

Nel cuore dell’Italia, incastonato nelle verdi colline della Toscana, sorge Castelfranco di Sopra. Questo gioiello medievale, meno conosciuto rispetto ad altre destinazioni turistiche della regione, offre un’autentica immersione nell’arte, nella storia e nella natura.

Un viaggio a Castelfranco di Sopra è un’esperienza unica, lontana dalle rotte turistiche tradizionali, che permette di scoprire la vera essenza della Toscana.

Storia di Castelfranco di Sopra

La storia di Castelfranco di Sopra si estende dall’antichità alla modernità, segnando il territorio toscano con evidenze etrusche e romane, fino alla sua fondazione ufficiale nel 1299 da parte della Repubblica di Firenze.
Questa “terra nuova“, ideata come avamposto per la difesa e l’approvvigionamento alimentare, offriva esenzioni fiscali a chi vi si trasferiva, guadagnandosi l’aggettivo “Franco” e “di Sopra” per la sua posizione elevata rispetto a Firenze.

Un passato Romano e Etrusco

Il passato di Castelfranco risale ai tempi etruschi e romani, con vie importanti come la Cassia vetus che attraversava il territorio.
L’epoca longobarda ha lasciato tracce nell’825 con ritrovamenti vicino all’abbazia di Soffena, luogo di rilevanza storica citato in documenti dell’XI secolo.

Palazzo Comunale e la Loggia antica di Arnolfo di Cambio

Con la sua erezione nel XIII secolo, il borgo divenne fulcro di commerci e controllo militare, arricchendosi nei secoli successivi con edifici significativi come il Palazzo Comunale e la Loggia antica di Arnolfo di Cambio. Il XVII secolo vide un rinnovamento con la costruzione di palazzi e conventi che testimoniano l’evoluzione del borgo.

Tuttavia, il XIX secolo comportò la perdita di alcune testimonianze storiche e la riorganizzazione amministrativa sotto la provincia di Arezzo, segnando un nuovo capitolo per Castelfranco di Sopra.

(foto via Tripadvisor)

Cosa vedere a Castelfranco di Sopra:

  • Piazza della Repubblica: il cuore pulsante del paese, dove si può ammirare l’architettura medievale che caratterizza il borgo.
  • Torre dell’Orologio: simbolo di Castelfranco, offre una vista mozzafiato sulle colline circostanti.
  • Chiesa di Santa Maria Maddalena: un esempio di architettura religiosa medievale, conserva opere d’arte di grande valore.
  • Le Mura Medievali: che racchiudono il centro storico, ancora ben conservate e testimoni della storia del paese.
  • Il Palazzo Comunale: antica sede del potere politico, con la sua facciata imponente che domina la piazza principale.

Cosa visitare vicino a Castelfranco di Sopra

  • Il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi: per gli amanti della natura, offre percorsi escursionistici tra boschi secolari e cascate spettacolari.
  • L’Abbazia di Vallombrosa: un complesso monastico immerso in una foresta di abeti, noto per la sua bellezza e spiritualità.
  • Il Borro: un antico borgo medievale, ristrutturato e trasformato in un lussuoso resort con un fascino senza tempo.
  • Arezzo: città d’arte ricca di monumenti, musei e chiese, a soli 30 minuti di auto.

Curiosità su Castelfranco di Sopra

Non tutti sanno che Castelfranco di Sopra è stato inserito tra i “Borghi più belli d’Italia“, un riconoscimento che premia l’impegno nella conservazione del patrimonio storico e culturale.

Mappa di Castelfranco di Sopra

Come arrivare a Castelfranco di Sopra da Firenze in auto

Partendo da Firenze, prendere l’autostrada A1 direzione Roma e uscire a Incisa. Seguire poi le indicazioni per Valdarno e proseguire sulla SR69 fino a Castelfranco di Sopra.
Il viaggio dura circa 40 minuti, regalando lungo il percorso viste incantevoli delle campagne toscane.

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.