Le Marche sono ricche di piccoli borghi da scoprire, sia per le meraviglie naturali che possono offrire sia per la storia che li ha resi unici. In particolare, eccone uno che è stato nominato tra i Borghi più belli d’Italia e che può anche vantare la Bandiera Arancione assegnata dal Touring Club italiano. Vediamo insieme di che si tratta e come raggiungere questo posto da visitare senza dubbio. 

Le Marche sono sicuramente tra le regioni più belle d’Italia. La diversa natura del territorio – che spazia dalle verdi colline, alle montagne dell’Appennino fino ad arrivare alle spiagge e alle acque del versante Adriatico – rendono questa regione adatta a tutte le tipologie di turisti, da chi cerca il relax fino a chi ama andare all’avventura.

E se parliamo di storia e tradizioni, i borghi delle Marche non sono secondi a nessun altro posto in Italia. In particolare, ecco uno dei Borghi più belli d’Italia, premiato anche con la Bandiera Arancione del Touring Club italiano.

Frontino: le origini e la storia

Stiamo parlando del borgo di Frontino, che si trova nella zona del Montefeltro. Le sue origini sono da collegare ai primi insediamenti dei romani, anche se la storia racconta di un periodo fiorente sotto il dominio dei Longobardi, arrivati nel territorio nel VI secolo. Diverse le famiglie che si sono alternate a Frontino, da quella dei Brancaleoni fino ad arrivare a quella dei Della Faggiola. Impossibile, poi, non citare la storica alleanza che ha legato il borgo di Frontino al Ducato di Urbino.

Cosa vedere a Frontino

Quali sono i posti da visitare assolutamente a Frontino? L’antico Castello del borgo, con mura e torri di controllo, è ancora oggi visitabile. Suggestiva e affascinante, poi, la Torre Civica la cui costruzione risale al Trecento. Il suo aspetto è caratteristico in quanto nel corso del tempo è stata avvolta quasi completamente dalle piante di edera, che le dona colori diversi a seconda della stagione dell’anno in cui ci si trova.

Lista delle cose da non perdere a Frontino

  • Il Castello: il cuore del borgo è senza dubbio il castello, che domina il paesaggio con la sua maestosità. Costruito nel Medioevo, il castello offre una vista panoramica mozzafiato sulla valle sottostante e sulle colline circostanti.
  • Chiesa dei Santi Pietro e Paolo: questa chiesa, risalente al XIII secolo, è un esempio straordinario di architettura romanica. All’interno, i visitatori possono ammirare affreschi antichi e un’atmosfera di pace e serenità.
  • Museo di Arte Sacra: situato all’interno del complesso del castello, questo museo ospita una collezione di opere d’arte religiosa, tra cui dipinti, sculture e oggetti liturgici che raccontano la storia religiosa del borgo.

Curiosità di Frontino

Il Comune più Piccolo delle Marche: Frontino è uno dei comuni più piccoli delle Marche, con una popolazione di poco più di 300 abitanti. Questo contribuisce a mantenere intatta l’atmosfera tranquilla e autentica del borgo.

Il Premio Frontino-Montefeltro: Ogni anno, Frontino ospita il Premio Frontino-Montefeltro, un prestigioso riconoscimento letterario che attira autori e studiosi da tutta Italia.

La Fonte della Pace: Un’altra curiosità è la Fonte della Pace, una fontana che si dice abbia proprietà terapeutiche e che simboleggia la tranquillità e la serenità del borgo.

Le Vie della Transumanza: Frontino è attraversato da antiche vie di transumanza, utilizzate per secoli dai pastori per spostare le greggi. Questi sentieri storici sono ancora percorribili e offrono un’esperienza unica di trekking nella natura.

Cosa vedere nei dintorni del Borgo

  • Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello: A pochi chilometri da Frontino si trova questo parco naturale, ideale per gli amanti della natura e delle escursioni. Con sentieri che attraversano boschi, prati e affioramenti rocciosi, il parco offre molte opportunità per escursioni a piedi e in bicicletta.
  • Carpegna: Un altro borgo affascinante situato nelle vicinanze, Carpegna è famoso per il suo prosciutto e per la splendida vista dal Monte Carpegna. Qui, i visitatori possono anche esplorare il Palazzo dei Principi, un imponente edificio storico.
  • Pennabilli: Pennabilli, noto per il Festival Internazionale di Arti Performative “Artisti in Piazza”, è un borgo che mescola arte e storia. La Rocca di Maioletto e il Museo di Mateureka sono due attrazioni imperdibili.

Cosa mangiare a Frontino

  • Piatti a base di Funghi e Tartufi: Frontino è noto per i suoi deliziosi piatti a base di funghi e tartufi, raccolti nei boschi circostanti. Un esempio è la tagliatella ai funghi porcini o al tartufo.
  • Polenta: La polenta è un altro piatto tipico della zona, spesso servita con sughi di carne o funghi.
  • Formaggi Locali: I formaggi locali, tra cui il pecorino, sono una delizia da non perdere. Vengono spesso serviti con miele o marmellate artigianali.
  • Vino: I vini delle Marche, come il Bianchello del Metauro o il Sangiovese, accompagnano perfettamente i pasti e sono un must da assaporare.

Come arrivare e Frontino in auto

Per raggiungere il borgo di Frontino ecco le indicazioni da seguire

Da Nord: imboccare l’autostrada A14 in direzione Ancona per poi prendere l’uscita Rimini Sud e proseguire verso San Marino, stato che dovrete attraversare per poi tornare in Italia fino a superare anche Genghe-Caturchio per poi arrivare a Frontino

Da sud: imboccare l’autostrada A14 in direzione Napoli per poi proseguire verso Pescana. Prendere l’uscita FANO e dirigersi verso Roma, attraversiamo Urbania e poi seguire le indicazioni per Frontino
(Foto copertina via Tripadvisor)