Questo affascinante villaggio è conosciuto in tutta la regione per il suo castello medievale, le stradine e l’atmosfera tranquilla. Verrès offre un’esperienza affascinante, perfetta per chi cerca una fuga dal trambusto delle grandi città ma desidera scoprire luoghi emozionanti 

Storia di Verrès

Le origini di Verrès risalgono all’epoca romana, come testimoniano i numerosi reperti archeologici trovati nella zona. Tuttavia, il borgo è meglio conosciuto per il suo periodo medievale, quando il Castello di Verrès, costruito nel XIV secolo, divenne un importante centro di potere per la famiglia Challant.

La struttura imponente del castello e le sue mura robuste sono un simbolo del passato tumultuoso della regione.

Cosa vedere a Verrès

  • Castello di Verrès: Questo castello medievale è il punto di riferimento principale del borgo. Costruito nel XIV secolo, offre una vista panoramica sulla valle e ospita eventi storici e culturali.
  • Chiesa Parrocchiale di San Martino: Una chiesa storica che vanta affreschi del XV secolo e un’atmosfera di pace e tranquillità.
  • Centro Storico: Passeggiare per le stradine acciottolate del centro storico di Verrès è come fare un tuffo nel passato, con le sue case antiche e i negozi tradizionali.
  • Ponte Romano: Un antico ponte romano situato poco fuori dal centro del borgo, che testimonia l’importanza storica della zona.

(foto via Tripadvisor)

Cosa visitare vicino a Verrès

  • Forte di Bard: A pochi chilometri da Verrès, questo imponente forte offre una vista spettacolare sulla valle e ospita il Museo delle Alpi.
  • Castello di Issogne: Un altro magnifico castello nelle vicinanze, famoso per i suoi affreschi rinascimentali e i giardini ben curati.
  • Val d’Ayas: Una valle incantevole ideale per escursioni, trekking e sci durante l’inverno.
  • Parco Naturale Mont Avic: Un parco naturale che offre una vasta gamma di sentieri escursionistici e una fauna e flora uniche.

Curiosità a Verrès

  • Carnevale Storico: Ogni anno, Verrès celebra un carnevale storico che ricrea scene medievali con costumi d’epoca, musiche e danze tradizionali.
  • Leggenda di Caterina di Challant: Si narra che Caterina di Challant, una delle figure storiche più influenti della zona, abbia difeso il castello con grande coraggio durante un assedio.
  • Vino locale: La regione è famosa per la produzione di vini pregiati, in particolare il Nebbiolo e il Petit Rouge.

(foto via Tripadvisor)

Mappa di Verrès

Cosa mangiare a Verrès

  • Fontina: Un formaggio a pasta semi-dura tipico della Valle d’Aosta, ottimo da gustare con pane locale.
  • Polenta concia: Polenta arricchita con formaggi e burro, un piatto robusto e confortante.
  • Carbonade: Stufato di carne cotto con vino rosso, tipico delle fredde serate invernali.
  • Tegole valdostane: Biscotti croccanti alle mandorle, perfetti da accompagnare con un bicchiere di vino dolce.

Come arrivarci in auto partendo da Torino

Da Torino, prendere l’autostrada A5 in direzione di Aosta. Continuare sulla A5 fino all’uscita per Verrès. Il tragitto è di circa 90 km e dura poco più di un’ora. Dopo l’uscita dall’autostrada, seguire le indicazioni per il centro di Verrès.
La strada è ben segnalata e offre viste panoramiche mozzafiato sulle montagne circostanti.ì