Top
Toscana

Un piccolo borgo in Toscana che aiutò Garibaldi nella sua avventura

Nel cuore dell’Italia, avvolto dal verde rigoglioso delle colline toscane, sorge Castel del Piano, un borgo ricco di storia, cultura e tradizioni. Questo piccolo gioiello rappresenta una meta imperdibile per coloro che desiderano immergersi in un’atmosfera d’altri tempi, scoprendo un’Italia meno conosciuta ma non per questo meno affascinante.

Storia del borgo di Castel del Piano

Castel del Piano trae le sue origini da un documento del 890, inizialmente menzionato come Casale Plana. Nel 1175 si trasformò in castello sotto i conti Aldobrandeschi e fu rinominato Plana Ferraria nel 1198 per le sue rocce ferrigne. Sottomesso a Siena nel 1331 dopo un assedio, il borgo prosperò sotto il dominio senese fino al 1559, per poi passare al Granducato di Toscana, vivendo un’epoca di fioritura artistica grazie alla presenza di rinomati artisti come la dinastia dei Nasini.

Nel XIX secolo, i cittadini parteciparono ai moti risorgimentali, con alcuni che combatterono al fianco di Garibaldi. La seconda guerra mondiale vide Castel del Piano ospitare profughi ebrei; nonostante le minacce dell’occupazione tedesca, molti riuscirono a sopravvivere fino alla Liberazione.

La chiusura dello stabilimento di acido tannico nel 1965 segnò un cambio di direzione economica verso il turismo invernale, con l’apertura di impianti sciistici che ancora oggi attraggono visitatori.

Cosa visitare a Castel del Piano

  • La Rocca Aldobrandesca: una fortezza medievale che domina il paese, offrendo una vista mozzafiato sulle colline circostanti.
  • Il Duomo di San Nicola: un esempio di architettura religiosa medievale, custodisce opere d’arte di grande valore.
  • Il Museo Civico: ospita reperti archeologici e opere d’arte che raccontano la storia del borgo e della regione.
  • Le Antiche Mura: passeggiando lungo le antiche mura si può godere di una vista unica sul paesaggio toscano.
  • Piazza Garibaldi: il cuore del borgo, dove si può assaporare la vita quotidiana dei suoi abitanti.

Cosa vedere vicino a Castel del Piano

  • Il Monte Amiata: una destinazione imperdibile per gli amanti della natura e delle escursioni.
  • Le Terme di Saturnia: per un momento di relax nelle famose acque termali.
  • La Val d’Orcia: patrimonio UNESCO, offre paesaggi mozzafiato e borghi storici.
  • Pienza: nota per la sua architettura rinascimentale e il pecorino di Pienza, un formaggio localmente prodotto.

Curiosità su Castel del Piano

Una delle curiosità più affascinanti riguarda la tradizione del “Palio di Castel del Piano“, una competizione equestre che si svolge ogni anno e coinvolge l’intera comunità in festeggiamenti e rievocazioni storiche.

Come arrivare a Castel del Piano da Roma

Partendo da Roma, si può raggiungere Castel del Piano in auto percorrendo l’A1 direzione nord, uscendo a Orvieto e seguendo le indicazioni per il borgo. Il viaggio dura circa due ore e mezza, attraversando paesaggi incantevoli che fanno da preludio alla bellezza del borgo.

Mappa di Castel del Piano

"Viaggiare è la nostra passione, incontrare nuova gente" ecco, noi siamo questi: per noi viaggiare significa crescere, apprendere, conoscere e sopratutto far capire ai nostri bambini che il mondo è un posto meraviglioso capace di sorprendere con le sue diversità e i suoi mille colori da scoprire e capire. Siamo una famiglia come tante che crede che il viaggio possa essere uno strumento per condividere pensieri ed emozioni.